cerca

RIFORME FALLITE

Le Province si ribellano a Roma

I presidenti degli enti locali dopo il no al referendum pretendono soldi e dignità: "Non siamo morti, non siamo finiti"

Le Province si ribellano a Roma

Achille Variati (a sinistra con Graziano Delrio)

Le Province si ribellano a Roma: non è l'inizio del paragrafo di un libro di Storia e nemmeno il titolo di un film "peplum" ma la situazione che si è delineata oggi, nella Capitale, durante la prima riunione dei presidenti delle Province nel post-referendum. Il senso dei molti accorati interventi si condensa in pochi punti: gli enti locali chiedono fondi, dignità e una profonda revisione della legge Delrio, perché i cittadini le riforme le hanno bocciate e le Province, come enti territoriali-amministrativi, devono rimanere.

«Avevamo detto da tanto tempo che i tagli iniziati nella finanziaria 2015 avrebbero distrutto non tanto le province quanto i servizi», dice il presidente dell'Unione delle Province d'Italia Achille Variati, al termine dell'assemblea dei presidenti di provincia questa mattina al Residence Ripetta. «Siamo sindaci che con spirito di volontariato, stiamo cercando di assicurare i servizi essenziali. Si dimostra che il Parlamento, quando ha assunto le decisioni relative al taglio dei finanziamenti alle Province, non aveva chiare le conseguenze. Si è trattato di un clamoroso storico errore del Parlamento e delle strutture tecniche che hanno dato il via libera alle Finanziarie dal 2015 in poi. Noi assicuriamo i servizi senza bilancio e senza nemmeno il bilancio provvisorio. Noi oggi qui stiamo dicendo "basta". E se il decreto legge che abbiamo chiesto non ci darà i fondi che chiediamo siamo pronti a combattere», aggiunge Variati, sindaco di Vicenza e presidente della Provincia, del Pd.

Le Province al governo chiedono l'azzeramento del terzo taglio previsto, ammontante a 650 milioni, più altri 550 milioni aggiuntivi, quindi in totale 1,2 miliardi. E se questo non avvenisse?

«Non guarderemo ai partiti di appartenenza, anche se ora ci rendiamo conto che molti parlamentari hanno cambiato idea rispetto al passato. Siamo pronti con esposti cautelativi che senza risposte adeguate presenteremo alle Procure della Repubblica di tutta Italia. E poi pianterreno una tenda da qualche parte e da lì non ci muoveremo. Volevamo metterle davanti a Palazzo Chigi, ma ci hanno detto che non si può fare». Per il presidente delle Province i provvedimenti per gli enti locali e quello per lo stanziamento dei fondi «devono essere assunti assolutamente entro il mese».

Questa sera Variati e una delegazione dei presidenti saranno ricevuti al Quirinale dal Presidente della Repubblica. «Gli faremo presente lo stato in cui versano le Province. E prima di proseguire con gli esposti, una questione di prudenza ci impone di verificare se ci saranno o meno le misure che chiediamo».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Giovanni

    Innocenti

    11:11, 20 Febbraio 2017

    SCISSIONE PD

    LA VERA POSTA IN PALIO DEGLI SCISSIONISTI - BLOCCARE LE RIFORME - SALVERE GLI ENTI INUTILI - LE PROVINCE E GLI STIPENDIATI PARENTOPOLI ED AMICI DEGLI AMICI

    Rispondi

    Report

  • glovp

    Gastone Vittorino Pier Giuseppe

    Losio

    11:11, 17 Febbraio 2017

    chidere la tutela europea

    fino a porre i cittadini dello stato sedicente sovrano di fronte a un referendum per il trasferimento della gestione politico amministrative dello stato Italia Repubblica, all'Europa Confederazione. Il punto di partenza per l'Europa che stenta troppo ad arrivare secondo un progetto come questo: losio.com#vision

    Rispondi

    Report

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni