cerca

guerra nella notte

Usa, Gb e Francia attaccano la Siria. Colpite fabbriche di armi chimiche

Lanciati più di 100 missili Tomahawk. La Russia: "Ci saranno conseguenze per Washington, Londra e Parigi"

Usa, Gb e Francia attaccano la Siria. Colpite fabbriche di armi chimiche

Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno lanciato all'alba attacchi coordinati in Siria contro il regime di Bashar al Assad, una settimana dopo il presunto attacco con armi chimiche nella città siriana di Douma, in cui sono morte un centinaio di persone. "Il nostro obiettivo è distruggere le capacità di lanciare armi chimiche del regime siriano", ha annunciato il presidente americano Donald Trump in diretta televisiva alle 21 ora di Washington, ed ha anche aggiunto che "andremo avanti il tempo necessario per distruggere le loro capacità".

Più tardi Trump ha promesso che gli Stati Uniti sono "pronti e carichi a colpire" ancora in caso di un nuovo attacco chimico in Siria. Lo ha assicurato al Consiglio di sicurezza l'ambasciatore americano all'Onu, Nikki Haley, riportando le parole del presidente. L'ambasciatore ha sottolineato che "il tempo delle parole è finito" e che è stato necessario passare all'azione perché la Russia ha sempre bloccati i tentativi di impedire al regime di Damasco di produrre armi chimiche. 

Secondo il generale Joe Dunford, capo di Stato maggiore americano, le forze occidentali hanno colpito intorno alle 3 di notte (le 4 del mattino in Siria) tre obiettivi legati al programma di armi chimiche siriane: uno vicino la capitale, Damasco, e gli altri due nella regione di Homs, nel centro del Paese. Un'ora dopo, i raid sono terminati. Dunford ha precisato che in questo momento non sono previste altre azioni congiunte e che gli alleati sono stati attenti a non colpire le forze russe, presenti in modo massiccio nel Paese.

Mosca, condannando con forza l'attacco, ha confermato che nessun attacco ha raggiunto i confini delle basi aeree e navali russe. Ma, in risposta, ha annunciato di voler convocare una riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu. Secondo il presidente Vladimir Putin infatti i raid occidentali sono stati condotti "senza l'avallo del Consiglio di sicurezza dell'Onu, in violazione della Carta delle Nazioni Uniti, delle norme e dei principi del diritto internazionale" e costituiscono "un atto di aggressione contro uno Stato sovrano che si trova in prima fila nella lotta al terrorismo".

Il presidente francese Emmanuel Macron ha sottolineato che gli attacchi francesi sono stati "circoscritti agli obiettivi che consentono la produzione e l'uso di armi chimiche". Secondo la ministro francese delle Forze armate Florence Parly sono stati presi di mira "il principale centro di ricerca" e "due centri di produzione" del "programma chimico clandestino" del regime siriano.Dal canto suo, la premier britannica Theresa May ha spiegato di aver "ritenuto giusto e legale intervenire militarmente con gli alleati per alleviare ulteriori sofferenze umanitarie riducendo la capacità di usare armi chimiche da parte del regime di Damasco. Non si tratta di interferire in una guerra civile, né di cambiare un governo: è un attacco limitato con chiari confini che vuole evitare l'escalation e altre vittime civili". L'aviazione britannica ha infatti colpito un sito militare (un'ex base missilistica) a 24 chilometri a ovest di Homs "dove si presume che il regime conservasse armi chimiche".

La stessa televisione di Stato siriana ha riportato informazioni secondo cui "centri di ricerca" del quartiere di Barzé, a nord-est di Damasco, sono stati colpiti. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, nel mirino sono entrati centri di ricerca scientifica, "numerose basi militari" e sedi della Guardia repubblicana a Damasco e nei dintorni. 'esercito russo ha reso noto che gli attacchi degli Stati Uniti e degli alleati occidentali contro il regime di Bachar al-Assad in Siria "non hanno causato vittime" civili o militari. "Secondo le prime informazioni, non risultano vittime tra i civili e tra l'esercito siriano", ha riferito l'alto responsabile dell'esercito russo, generale Sergei Rudskoi, in un briefing.Gli Stati Uniti hanno annunciato di aver usato "tipi diversi di munizioni" come i missili da crociera Tomahawk. Secondo Fox News, sono stati utilizzati anche bombardieri a lungo raggio B-1. Il segretario americano alla Difesa, Jim Mattis, ha poi precisato che le forze americane hanno impiegato il doppio delle munizioni rispetto al quelle utilizzate dagli Stati Uniti nell'aprile 2017 contro la base militare di Al-Chaayrate, vicino Homs. Secondo il Pentagono, non vi sono vittime americane.

Nell'attacco, la Francia ha utilizzato fregate multimissione di stanza nel Mediterraneo e aerei da combattimento, secondo quanto riferito dalla Parly. Il raid aereo è partito invece da diverse basi aeree in Francia. Londra ha usato quattro caccia da combattimento Tornado GR4 della Royal Air Force equipaggiati con missili Storm Shadow.Washington e i suoi alleati hanno lanciato in tutto "circa 110 missili contro obiettivi a Damasco e altrove" nel paese, cme ha fatto sapere l'Alto comando dell'esercito siriano che ha assicurato di averne intercettati "la maggior parte": circa 71 su 103.Damasco ha immediatamente condannato "la barbara e brutale aggressione degli Occidentali", volta a "ostacolare" la missione dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Oiac) che avrebbe dovuto iniziare un'indagine a Douma. Allo stesso modo il Cremlino ha denunciato "un golpe contro la capitale di uno stato sovrano" e ha ritenuto che la Siria, che per anni ha resistito "all'aggressione terroristica", sia stata colpita mentre aveva "la possibilità di arrivare a un futuro di pace".

Attraverso l'ambasciatore negli Stati Uniti Anatoly Antonov, Mosca ha fatto sapere che i suoi avvertimenti non sono stati ascoltati e che i raid costituiscono un "insulto" al presidente Vladimir Putin L'attacco congiunto, d'altra parte, è stato considerato "appropriato" dalla Turchia e "giustificato" da Israele. La Nato ha concesso il proprio "supporto", mentre a Germania ha ribadito di non voler prendere parte alle azioni militari pur ritenendole "necessarie e appropriate".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari