cerca

salta un altro allenatore in serie A

La Spal esonera Semplici, arriva Di Biagio

La Spal esonera Semplici, arriva Di Biagio

Fuori un altro, salta l'ennesimo allenatore in Serie A. Arriva alla fine dopo oltre cinque anni il matrimonio fra Leonardo Semplici e la Spal. Fatale la sconfitta interna di ieri col Sassuolo che ha lasciato gli estensi all’ultimo posto con 15 punti dopo 23 giornate. La notizia dell’esonero era circolata già nelle scorse ore ma adesso è arrivata l’ufficialità: «La Spal comunica di aver sollevato dall’incarico di responsabile della prima squadra biancazzurra mister Leonardo Semplici, contestualmente al secondo allenatore Andrea Consumi, al preparatore atletico Yuri Fabbrizzi e ai collaboratori tecnici Rossano Casoni e Alessio Rubicini. La società ringrazia mister Semplici e il suo staff per il lavoro svolto e i risultati ottenuti in questi anni, risultati che hanno permesso di raggiungere grandi traguardi e riportare la Spal in Serie A dopo 49 anni».

Non è stato ancora reso noto il nome del successore ma dovrebbe trattarsi dell’ex ct dell’Under 21 Gigi Di Biagio, che sarebbe così alla prima esperienza da allenatore a livello di club. Semplici era stato ingaggiato dalla Spal, allora in Lega Pro, nel dicembre 2014. Chiusa la prima stagione risalendo dal dodicesimo al quarto posto, in due anni il tecnico toscano aveva guidato gli estensi al doppio salto, centrando nel 2017 il ritorno in serie A dopo 49 anni di attesa. Conquistata la salvezza nelle scorse due stagioni (in quella passata addirittura con tre turni d’anticipo), Semplici era partito bene nel campionato in corso prima di una crisi di risultati che ha convinto la società a interrompere il lungo e fruttuoso rapporto.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro