cerca

furto all'olimpico

Roma fermata in Europa da un rigore inventato

La Roma fermata da un rigore inventato

Un rigore inesistente concesso in pieno recupero consente al Borussia Moenchengladbach di pareggiare contro la Roma in un match della terza giornata del gruppo J di Europa League. Un vera e propria beffa per i giallorossi puniti dall’abbaglio dell’arbitro scozzese Collum che vede un fallo di mano di Smalling in area, quando invece il difensore inglese colpisce il pallone con il volto. Dagli 11 metri Stindl non sbaglia e pareggia la rete di testa di Zaniolo al 32’ del primo tempo. I giallorossi mantengono comunque la vetta solitaria del girone con 5 punti, uno in più degli austriaci del Wolfsberg e dei turchi del Basaksehir; Borussia fanalino di coda a quota 2. La partita, disputata sotto un diluvio torrenziale, non comincia bene per i capitolini che subiscono 5 tiri nel primo quarto d’ora. Il più pericoloso dopo otto minuti e di Bensebaini che colpisce nel cuore dell’area mandando sulla traversa a Lopez battuto. Con il passare dei minuti i padroni di casa prendono le misure ai capolisti della Bundesliga entrando in partita. Al 23’ grande giocata di Pastore, tacco e tunnel a smarcarsi in area, viene però fermato al momento del cross. Al 32’ alla prima vera opportunità la Roma sblocca il match: corner di Veretout, Zaniolo supera in elevazione Lainer e incrocia di testa superando Sommer. Tre minuti dopo Dzeko raddoppia ma la rete viene annullata per fuorigioco del bosniaco, andato a segno con un potente destro su assist di Veretout.

Il primo squillo della ripresa è degli ospiti sull’asse Neuhaus-Herrmann: assist del primo per il compagno, girata col destro che trova Lopez attento. Prima del quarto d’ora ci prova Veretout da fuori area, tiro deviato che termina di poco a lato. Al 22’ ancora i ragazzi di Fonseca in attacco con Perotti che serve Kluivert nel cuore dell’area, bravo Sommer a uscire prontamente a anticipare l’attaccante olandese. Poco dopo la mezz’ora ci prova Stindl, entrato da pochi minuti, con un tiro dal limite dell’area che Lopez blocca a terra. Al 37’ chance per il raddoppio: Punizione-cross dalla trequarti di Veretout sul secondo palo per l’accorrente Smalling che in tuffo di testa da ottima posizione manda il pallone a lato. Al 90’ incredibile opportunità mancata da Florenzi per chiudere il match: Dzeko lancia solo in contropiede il capitano giallorosso che tenta il destro appena dentro l’area che sfiora il palo e termina fuori. Al 94’ la beffa finale: su una punizione dalla trequarti di Hofmann, Elvedi colpisce di testa e manda il pallone sulla faccia di Smalling che respinge. Clamoroso abbaglio di Collum che mima un tocco di braccio dell’inglese concedendo un rigore inesistente. Stindl dagli 11 metri spiazza Lopez e pareggia mandando i titoli di coda sul match.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro