cerca

allo sbando

Le Sardine fanno già la scissione

Le sardine finiscono in scatola

Il movimento delle Sardine mostra le prime crepe. E a Napoli si spacca su un accordo con M5s e centrosinistra. E non è la prima volta. Infatti, alcuni giorni fa, in Toscana, due fazioni di Sardine si sono scontrate per una manifestazione che ha poi registrato un flop. Non saranno un partito, di certo, ma già sembra che si scalpiti per tirare la volata alla conquista della leadership.

Per approfondire leggi anche: LA SARDINA SI CREDE DI ESSERE UNA BALENA

Come Giulia Trappoloni, il volto femminile delle sardine, che è convinta che durante l'assemblea di marzo si capirà qualcosa di più sul movimento, che cercherà altri canali per far sentire la propria voce e non solo in piazza. La Trappoloni sembra già tracciare le prime linee guida, precisando che «nessuno del mondo politico ha bussato alla nostra porta, anche se i segnali non sono mancati». La 29enne, fisioterapista felsinea, unica donna del quartetto che ha fondato il movimento (gli altri: Mattia Santori, Andrea Garreffa, Roberto Morotti) va oltre e spiega che le Sardine possono valutare anche un accordo con il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, mentre se il premier Giuseppe Conte «ci invita a Palazzo Chigi ci andiamo volentieri». Insomma, si guarda già anche al potere. Ma è proprio un’intesa con il Pd che fa spaccare il movimento a Napoli...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro