cerca

crisi diplomatica

Proteste a Hong Kong, la Cina censura pure la Meloni

Giorgia Meloni chiede di convocare l'ambasciatore. Ma per Pechino è da "irresponsabili" la conferenza in Senato con il capo della protesta di Hong Kong

Proteste a Hong Kong, la Cina censura pure la Meloni

È diventato un caso internazionale la videoconferenza organizzata in Senato da Fratelli d’Italia con Joshua Wong, il leader delle proteste di Hong Kong. A Pechino non l’hanno presa bene, tanto che l’ambasciata cinese a Roma ha diffuso un messaggio su Twitter in cui si scaglia contro i politici italiani organizzatori dell’iniziativa, accusati di un «comportamento irresponsabile». Giorgia Meloni, per tutta risposta, ha chiesto al ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, di convocare subito l’ambasciatore, per non far passare in secondo piano queste «dichiarazioni arroganti e intollerabili». Il leader della Lega, Matteo Salvini, invece, ha ricordato alla Repubblica popolare che «non siamo una provincia cinese e che per noi democrazia, libertà e diritti umani sono valori irrinunciabili».

Lo sdegno delle forze politiche si è levato (quasi) unanime. Anche Pd e Forza Italia hanno protestato contro "l’attacco" cinese. Nei 5 Stelle la reazione più autorevole è stata senz’altro quella del presidente della Camera, il quale ha difeso «il diritto dei parlamentari di esprimere le proprie opinioni e i propri giudizi politici». Per Fico quelle dell’ambasciata di Pechino sono «parole profondamente irrispettose». Anche la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, le ha definite «dichiarazioni inaccettabili e lesive della libera espressione dei parlamentari italiani». Nei 5 Stelle l’imbarazzo è grande. Soprattutto se si pensa che...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro