cerca

mister europa demolito

Salvini spietato contro Juncker: "Parlo solo con persone sobrie"

Salvini spietato contro Juncker: "Parlo con persone sobrie"

È ancora scontro tra Italia ed Europa. Nonostante lo spread abbia chiuso sopra quota 300, il governo non indietreggia sulla manovra e sull’obiettivo di deficit al 2,4% per il prossimo triennio. I due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, continuano a usare toni durissimi.

Il ministro dell’Interno attacca già in mattinata: «Le parole e le minacce di Juncker e di altri burocrati europei continuano a far salire lo spread, con l’obiettivo di attaccare il governo e l’economia italiana? Siamo pronti a chiedere i danni a chi vuole il male dell’Italia». E qualche ora dopo, rincara la dose: «Parlo con persone sobrie, che non fanno paragoni che non stanno né in cielo né in terra» a proposito delle dichiarazioni di «chi nella Commissione europea ha paragonato l’Italia alla Grecia», come fatto dal presidente della commissione, Jean Claude Juncker.

Sulla stessa linea il 5 stelle Di Maio: «Non hanno ancora letto la nota di aggiornamento al Def in Ue e già la stanno impallinando allora devo pensare che c’è un pregiudizio». E ancora: «Non ci fermiamo davanti alle minacce. In questi giorni si sta dicendo a un governo eletto che cosa deve fare» e lo dice una commissione «che non ha l’1% dei voti, che non è stata eletta dal popolo europeo e da quello italiano».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro