cerca

lavoro

Coronavirus: Sinigaglia (Forema Padova), ‘c’è ancora qualcuno che pensa a formazione’

Coronavirus: Sinigaglia (Forema Padova), ‘c’è ancora qualcuno che pensa a formazione’

Padova, 24 mar. (Labitalia) - “In questo momento di profonda emergenza, in cui anche le aziende stanno combattendo contro un nemico invisibile per continuare a produrre, c’è ancora qualcuno che pensa alla formazione”. A dirlo, in un’intervista all’Adnkronos/Labitalia, Matteo Sinigaglia, direttore generale di Fòrema Padova, che si è imposta nel tempo come una tra le maggiori società di formazione del sistema confindustriale italiano e punto di riferimento per la crescita delle persone e della competitività delle imprese del territorio, grazie allo sviluppo di un know-how e di servizi sempre più innovativi.

“Come descritto da Nicholas Talbot nel suo affascinate libro 'L’Antifragile' - ricorda - sappiamo che la nostra incapacità di comprendere a fondo i fenomeni umani e naturali ci espone al rischio di eventi inaspettati. E l’incertezza non è solo una fonte di pericoli da cui difenderci: siamo capaci di trarre vantaggio anche dalla volatilità e dal disordine, persino dagli errori, e diventiamo quindi antifragili. Quest’aspetto i nostri imprenditori lo hanno compreso subito, dimostrando una reazione positiva, pronta e inaspettata al momento di crisi che stiamo vivendo”.

“L’emergenza causata - spiega Sinigaglia - dall’arrivo del virus Covid-19 in Italia sta infatti dimostrando una risposta straordinaria dell’intero sistema industriale, in particolare in ambito smart working e formazione digitale. Tutti hanno immediatamente capito che il coronavirus come è arrivato a un certo punto se ne andrà, facendoci tornare a uno stato di minor tensione. Ci lascerà fiaccati, in difficoltà economica e con il morale a pezzi, ma con uno smart working, formazione a distanza e digitale assolutamente aumentati e sviluppati, che sono andati a colmare un gap di almeno un decennio”.

“Sembra paradossale - osserva il direttore generale di Fòrema Padova - ma nel mondo del cigno nero dominato dal caos, tra le priorità delle aziende vi è ancora quella di riuscire a gestire le preoccupazioni e le difficoltà che creano ansia nelle proprie risorse umane, avviando tutte le azioni necessarie a configurare un’apparente condizione di normalità”. “Molte realtà imprenditoriali - ricorda - stanno sfruttando questo momento affinché la discontinuità organizzativa non sia un evento che impatti frontalmente sul dipendente, ma costituisca un percorso progressivo di decostruzione e ridefinizione dell’intero ecosistema aziendale”.

“In quest’ambito - sottolinea - la trasformazione tecnologica e digitale, imposta forzatamente dall’emergenza corona virus, diventa sempre più centrale, capace di creare relazioni in modo più veloce, pervasivo e profondo con l’individuo. Ecco perché la richiesta di formazione non si è mai fermata, anzi direi che i segnali sono tutti a favore di un trend positivo, basato tuttavia su strumenti nuovi e specifici contenuti legati al contesto attuale”. “In due settimane - fa notare - abbiamo trasferito tutte le nostre attività previste in aula in formato webinar sulle piattaforme di gotomeeting/gotowebinar/googlemeets, teams. In questo modo siamo riusciti a garantire le consulenze e le attività formative destinate alle aziende, anche se per la verità in alcune situazioni siamo ancora oggi costretti a operare a regimi ridotti per i gap tecnologici presenti soprattutto delle realtà più piccole”.

“In questo particolare momento - avverte Matteo Sinigaglia - abbiamo pensato di focalizzarci su un'offerta piuttosto completa relativa al tema della sicurezza, agganciando tutte le attività ad una piattaforma di learning management system, promuovendola sul web al 50% del prezzo di listino per tutto il periodo di emergenza. In un paio di giorni si sono registrati oltre 2.000 utenti, per oltre 5000 ore di formazione nell’ambito soprattutto della sicurezza sul lavoro, a testimonianza del forte interesse nonostante il difficile periodo in cui stiamo vivendo”. “In una modalità del tutto nuova - continua - con strumenti di lavoro agili e smart, la professionalità e la dedizione delle nostre risorse ci permette di continuare a gestire anche da remoto la complessità contingente e sostenere le imprese per erogare ogni mese 6000 ore di formazione a 2300 persone, quindi di non lasciare sole le aziende che si affidano a noi, complici in una sfida che intendiamo vincere insieme”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro