cerca

IL FUTURO DEL CENTROSINISTRA

Bandiera ressa

Caso Expo, nuova accusa per il sindaco di Milano Beppe Sala: concorso in abuso d'ufficio

Beppe Sala

Milano – la locomotiva d’Italia – senza un governo amico rischia di frenare. Ne è convinto Beppe Sala, il sindaco del capoluogo lombardo, recentemente azzoppato per i giochi olimpici 2026.

Milano è obiettivamente la vera vetrina d’Italia ma il rumoreggiare di Sala svela un lapsus: questo fichissimo esemplare di italiano superiore, autodefinitosi “l’anti-Salvini”, è pronto a uscire dal suo municipio per dimostrare che solo lui, e non altri, potrà salvare l’Italia, la Ue e il Pd dalla barbarie degli inferiori.

Come lui, quanto lui – per gemmazione spontanea dal sacro tronco della razza post-comunista – altri ne sbucano di italiani superiori: tutti nel ruolo di “papa straniero” per la sinistra ancora attonita dopo la sconfitta elettorale del 4 marzo.

E come lui, quanto lui, ci sono i Roberto Saviano – anti-Salvini antemarcia – i Roberto Burioni, il vaccinista anti-sovranista, i Beppe Severgnini perfino, per non dire di Asia Argento e di don Ciotti.

Tutti civil servant, per dirla con le scuole alte, pronti a salvarci tutti quando però, concluso il settennato di Sergio Mattarella, coerentemente con le persone reali – votato da questo parlamento – al Quirinale ci sarà Paolo Savona (o Marcello Foa).

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni