cerca

la difesa della democrazia

Antifascisti in orbace

Sul web l’ira degli ex alunni «Insulto alla scuola e ai ricordi»

Arriva notizia di un saluto romano – un alalà – al liceo Socrate, a Roma. Per la preside è goliardia ma gli studenti chiedono la condanna del gesto. E hanno ragione, poveri Cicci, è proprio un increscioso affronto. Gli alunni abitano il 2018 e il fascismo, in Italia, è alle porte. Anzi, già c’è. Con la fine dell’antiberlusconismo – con Silvio Berlusconi riabilitato agli occhi dell’Europa e del Pd – è tornato l’antifascismo. Quel saluto romano nel bel mezzo delle aule è la pre- potenza di un clima. Il fascismo è al governo e bene fanno i ragazzi, aiutati dagli organi di stampa in lotta, a difendere la democrazia. Di certo troveranno al loro fianco Graziano Delrio, ma anche Maria Stelluccia Gelmini, e chissà oggi cosa ci sarà nei giornali. Di certo ci sarà un collegamento – il brodo di coltura – con Mafia Capitale. Quel che è certo, è il capovolgimento. Chi fa oggi il saluto romano, con consapevole disobbedienza, è giusto il tipo che nel regime fascista finirebbe al confi- no. Ma chi oggi – proprio oggi – fa l’antifascista è l’esatto opposto. Il tipo che, Duce imperante avrebbe onori, obici e orbace.
E già sembra vederli, poveri Cicci.
Tutti in marcia nel passo dell’oca. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni