cerca

storie italiane

Marina Ripa di Meana, i figli adesso si scannano in tv

Andrea Cardella contro la sorellastra Lucrezia Lante della Rovere: "Non ha rispettato le volontà di mamma"

Marina Ripa di Meana, i figli adesso si scannano in tv

A “Storie Italiane”, il programma mattutino di Rai 1, Andrea Ripa di Meana attacca la sorella Lucrezia Lante della Rovere sulle ceneri di Marina Ripa di Meana: “Non rispetta la volontà di nostra madre. Poteva starle vicina quando era viva non quando è morta”.

Eleonora Daniele ospita nello studio di “Storie Italiane” Andrea Ripa di Meana che tuona contro Lucrezia. Il tono è garbato, ma quante frecciatine! Il figlio adottivo di Marina Ripa di Meana, scomparsa un paio di anni fa, non tollera che la sorella non rispetti l'ultimo desiderio della mamma cioè che le ceneri fossero sparse nel mare dell’Argentario. “Sono trasecolato, non rispetta la volontà di mamma. Ha lasciato scritto nero su bianco che le sue ceneri dovevano essere buttare in mare a porto Santo Stefano dove c'è la casa di famiglia, vuole fluttuare leggera nelle acque di porto Santo Stefano come la sorella. Voglio bene a Lucrezia, ma vorrei che rispettasse il volere di Marina”.

Eleonora Daniele gli chiede come mai lui, da figlio, non possa imporsi e Andrea svela un retroscena: “Sono il figlio adottivo, ma non rientro nell’asse ereditario. Io mi occupavo di tutte le sue situazioni e per ringraziarmi Marina volle farmi il regalo dell’adozione, disse almeno gli lascio un bel cognome. Quando Marina e Carlo decisero di adottarmi, per perfezionare l'atto, era necessario che tutti fossero d’accordo. Lucrezia era bisticciata con la madre, si impuntò e disse di no. Non era qualcosa contro di me, siamo sempre andati d’accordo, anzi ero io che la difendevo quando litigava con nostra madre. Marina le fece scrivere anche dall’avvocato, ma non ne volle sapere. Così Marina firmò solo come moglie e non come madre. Per questo l’unica che può decidere è Lucrezia”. E qui Andrea dà la prima stoccata: “Sulle ceneri mi sembra un paradosso, mi sembra incredibile che adesso voglia tenersela vicina. Quando Marina era in vita e stava male, lei era sempre impegnata a fare qualcosa e non veniva mai, per carità lavora tantissimo, ha appena finito di girare una fiction per la Rai, però… il mio sui giornali è stato uno sfogo di impeto. Ci sono rimasto male quando ho sentito che teneva l’urna a casa sua perché con Marina parlavamo spesso di fare questa cosa. Spero che al più presto rispetti le volontà di nostra madre. Ripeto: purtroppo a decidere è solo Lucrezia”.

La Daniele domanda quali siano i rapporti e Andrea rifila la seconda sciabolata: “Se ci vediamo? Ci sentiamo spesso al telefono, se lei mi chiama, io rispondo. Il rapporto è buono, voglio bene a Lucrezia, se vuole starle vicino va bene però ci poteva pensare anche in vita a starle vicino. Quando Marina la chiamava, non c’era mai. C’è stata solo negli ultimi mesi. Ad esempio le ceneri le ho prese io, lei mi aveva firmato la liberatoria perché era impegnata sul set a Torino. L’urna stava a casa nostra, poi quando l’abbiamo dovuta lasciare gliel’ho portate. Io vorrei solo che rispettasse al più presto la volontà testamentaria di Marina. Non c’è un tempo preciso per spargere le ceneri e se vorrà farmi partecipare ne sarò felice”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro