cerca

Crowe, bandito dal cuore tenebroso

Quest'anno, la Coppa Volpi l'ha conquistata un altro pistolero, Brad Pitt nel ruolo del bandito Jesse James in un dramma western. Ieri, a presentare il remake di "Quel treno per Yuma" di James Mangold, c'erano il protagonista Russell Crowe e l'amministratore delegato di Medusa, che distribuirà il film da venerdì in 300 copie: Giampaolo Letta ha annunciato due mega produzioni di western all'italiana per l'anno prossimo, visto il sentito interesse del pubblico verso il genere.
Stavolta, Crowe è il temibile bandito Ben Wade, che si muove nel selvaggio West, con tanto di attacchi alla diligenza, assalti dei pellerossa, saloons, cavalcate, buoni e cattivi in lotta perenne in un mondo in cui violenza e corruzione sono la norma. Ma ciò che più colpisce nel film è la possibilità che un malvagio e un onesto possano capirsi meglio di altri apparentemente più affini. A contrapporsi al "cattivo", interpretato da Crowe, c'è l'integerrimo Dan, alias Christian Bale: i due rispolverano "3:10 To Yuma" del 1957, diretto da Delmer Daves, con il leggendario Glenn Ford.
«Non è un semplice western, ma una storia che ha del cuore - ha spiegato Crowe, ieri a Roma -. Il mio personaggio viaggia, cita la Bibbia, è elegante e persino la sua pistola, soprannominata "la mano di Dio", è impreziosita da un crocefisso d'oro. Tra Dan e Ben scatta un rispetto reciproco, un'intesa sottile, al di là dei loro ruoli. In genere non amo i western americani, preferisco quelli di Sergio Leone o quelli australiani. Mi piace John Wayne, soprattutto quando è ironico, e anche Clint Eastwood. Il film originale di Daves non lo considero però un classico western: nel primo "Quel treno per Yuma" c'erano molti dialoghi, era girato quasi tutto in una stanza e a basso budget. Nel remake abbiamo invece sviluppato meglio i caratteri dei due protagonisti, oltre al viaggio e alle azioni che lì erano solo raccontate».
Alla domanda se i due pistoleri siano stati coinvolti dalla Sindrome di Stoccolma (quella sorta di amore che può unire carnefice e vittima), Crowe è apparso un po' smarrito: «La Sindrome di Stoccolma è per caso una canzone degli Abba? - ha chiesto scherzando -. Li chiamavano cow-boy perchè amavano le loro mucche - ha poi aggiunto -. Una cosa è certa: il mio personaggio, il bandito Ben, vuole che Dan ritrovi il suo rispetto, quello che gli hanno tolto i proprietari terrieri e la sua famiglia: e per proteggerlo uccide anche i suoi uomini. Ora sto girando "Body of Lies", film di Ridley Scott con Leonardo di Caprio, tratto dal racconto di David Ignatius».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro