cerca

POLITICA & INCHIESTE

Renzi e il filo rosso che lega Consip a Wilma Montesi

Renzi e il filo rosso che lega Consip a Wilma Montesi

Tiziano Renzi e, sullo sfondo, Luca Lotti

Le colpe dei padri non possono ricadere sui figli. Può esser vero, forse, nella vita delle persone comuni. Ma per i politici è diverso. Può apparire ingiusto, ma la storia ci insegna che è così.

Che colpa ne ha Matteo Renzi se il padre Tiziano ha speso il suo nome per farsi promettere soldi in cambio di "influenza" sugli appalti? Se fosse vero - il processo sul caso Consip non è neanche cominciato e neppure è detto che ci si arrivi - la colpa del figlio sarebbe semplicemente quella di non essersi accorto di nulla. Come quella di Bossi è stata di non conoscere l'uso che Renzo il "Trota" faceva dei soldi del partito. E gli esempi potrebbero essere innumerevoli. Si tratta di colpe politiche, non giudiziarie, ma talvolta bastano e avanzano per chiudere un'esperienza istituzionale.

In molti penseranno che queste trame rappresentino un imbarbarimento attuale della vita politica del Paese. In realtà non c'è niente di nuovo sotto il sole. Primavera del 1953: sulla spiaggia di Ostia viene ritrovato il cadavere di Wilma Montesi. Ne verrà fuori un giallo che alla fine vedrà il coinvolgimento di Piero Piccioni, figlio di Attilio, leader della corrente di destra della Democrazia Cristiana dell'epoca.

Piero sarà arrestato con l’accusa di omicidio colposo e uso di stupefacenti. Nel frattempo la carriera politica del padre sarà definitivamente segnata e ad approfittarne sarà il leader dell'altra corrente principale della Dc, Amintore Fanfani. Al punto che per anni si è sospettato - senza prove - che il delitto rientrasse proprio in una strategia complottistica per far fuori politicamente Piccioni.

Oggi l'obiettivo politico non è il padre, ma il figlio. E se all'epoca Fanfani era il "carnefice", oggi colui che si è dichiaratamente ispirato proprio al vecchio leader aretino è la "vittima".

La legge del contrappasso talvolta colpisce con una precisione crudele. E lascia in dote un insegnamento: meglio non cavalcare inchieste, intercettazioni o semplici scandaletti. Prima o poi, ci si trova dall'altra parte della barricata.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni