Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jerusalema va a ritmo di challenge. Così nasce il tormentone 2.0

Carlo Antini
Carlo Antini

Testo e musica le mie coordinate. Sono nato in Puglia ma vivo a Roma dall'età di 5 anni. La laurea in Scienze della Comunicazione e la passione per il giornalismo mi hanno portato a "Il Tempo" dove sono nella redazione web

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

Jerusalema e la sua danza social fanno nascere il tormentone 2.0. Ci eravamo abituati alla musica che viaggia online ed è sostenuta dalle rotazioni radiofoniche. Che non viene pubblicata quasi più su supporti materiali (cd o vinili) ma solo su piattaforme digitali come Spotify o iTunes. Ma anche la musica liquida ha fatto il suo corso, lasciando il campo alle hit social. Alle melodie che si trasformano in successi planetari soltanto quando e se lo decidono i social media.

 

 

 

 

E’ il caso di Jerusalema del deejay sudafricano Master KG e cantata in duetto con Nomcedo Zidoke. Il brano era stato pubblicato per la prima volta sul web a dicembre 2019 e da allora il successo del brano era stato confinato ai soli confini africani. A un certo punto è cambiato qualcosa. Jerusalema ha fatto la sua comparsa su TikTok, lanciando la challenge legata alle coreografie del suo ballo. Complici un paio di remix, la semplice melodia ha iniziato a fare il giro del mondo, diventando il vero tormentone musicale dell’estate 2020. Famiglie e tiktoker di tutte le età hanno iniziato a sfidarsi sui passi di danza e Jerusalema non si è fermata più. In poche settimane ha inanellato 70 milioni di visualizzazioni su YouTube e 130 su TikTok. Mica bruscolini. Tra le "vittime" della challenge social c’è anche la Marina Militare col tenente di vascello che a Taranto ha diretto le reclute in una sorta di saggio in divisa. Naturalmente non sono mancate le polemiche. Intanto Master KG gongola e sta già preparando il nuovo album. Con buona pace dei nostri marinai.

Dai blog