cerca

Il capitolo tasse aeroportuali rappresenta un vero e proprio macigno per l'utente.

Facciamo un esempio. Nelle «Girovacanze» di Alitalia, una delle promozioni in corso, un volo di andata e ritorno Roma-Firenze, compresa una notte in albergo, viene pubblicizzato a 109 euro. Ma questa è solo la tariffa di base, alla quale bisogna aggiungere le tasse aeroportuali, il crisis surcharge (12 euro), il fuel surcharge (12) e 25 euro di quota di iscrizione per le agenzie di viaggio (il biglietto non si può infatti acquistare direttamente dall'Alitalia). In totale si arriva quindi a pagare diverse decine di euro in più rispetto alla cifra iniziale. Ovviamente, la raffica di tasse esiste per qualsiasi tipo di biglietto, così come dal 1° maggio bisogna pagare alle agenzie di viaggio un diritto fisso di 5 euro a tratta per i voli nazionali e di 10 su quelli internazionali. «Siamo stati costretti a chiedere il diritto fisso per coprire un minimo le spese che abbiamo - spiega Roberta Malaisi dell'agenzia "Ultraviaggi" di Roma -. Alitalia ha infatti ridotto la commissione dal 5,45% al 2,73%».
St. Mor.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Jennifer Lopez bella e sensuale ai Billboard Latin Music Awards

Incidente in fabbrica, migliaia di litri di succo di frutta nelle strade
Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce