cerca

BERGOGLIO IN EGITTO

Papa Francesco abbraccia il Grande Imam: "Populismi sconcertanti"

Papa Francesco abbraccia il Grande Imam: "Populismi sconcertanti"

Certi "populismi demagogici" che prosperano in Europa e nel mondo "sconcertano". In un momento in cui "ci si allontana dalla realtà dei popoli, in nome di obiettivi che non guardano in faccia a nessuno", servono "costruttori di pace", non "provocatori di conflitti"; "predicatori di riconciliazione" e non "banditori di distruzione"; non "incendiari", ma "pompieri" che spengano il fuoco dell'odio. È potente e senza mezze misure il discorso di Papa Francesco alla conferenza internazionale per la pace promossa dal grande imam di Al-Azhar, al Cairo. Un abbraccio è stato il saluto dei due leader spirituali, così come è successo lo scorso anno in Vaticano.

Il centro studi è il più prestigioso dell'intero Islam sunnita e il suo rettore, Shaykh Al-Tayeb, si è speso per tutta la vita per promuovere una versione tradizionale dell'islam che si sposi con la modernità. Per questo più volte si è scontrato apertamente con i Fratelli Musulmani, fino ad appoggiare pubblicamente il golpe del 2013 di Al Sisi, che ha deposto Mohamed Morsi. L'università oggi espelle gli studenti che incitano o si uniscono a movimenti islamisti.

"Nessun incitamento violento - afferma Francesco - garantirà la pace, e ogni azione unilaterale che non avvii processi costruttivi e condivisi è in realtà un regalo ai fautori dei radicalismi e della violenza". Insieme, "da questa terra d'incontro tra Cielo e terra", "ripetiamo un "no" forte e chiaro ad ogni forma di violenza, vendetta e odio commessi in nome della religione o in nome di Dio. Insieme affermiamo l'incompatibilità tra violenza e fede, tra credere e odiare. Insieme dichiariamo la sacralità di ogni vita umana contro qualsiasi forma di violenza fisica, sociale, educativa o psicologica". La violenza è la "negazione di ogni autentica religiosità", per questo occorre "denunciare le violazioni contro la dignità umana e contro i diritti umani".

E il primo passo per prevenire la guerra, diventata un "cancro" per l'umanità, è "rimuovere le situazioni di povertà e di sfruttamento, dove gli estremismi più facilmente attecchiscono, e bloccare i flussi di denaro e di armi verso chi fomenta la violenza". Ancora più alla radice, afferma Bergoglio, è necessario arrestare la proliferazione di armi che, "se vengono prodotte e commerciate, prima o poi verranno pure utilizzate": "Solo rendendo trasparenti le torbide manovre che alimentano il cancro della guerra se ne possono prevenire le cause reali". A questo impegno "urgente e gravoso" richiama i responsabili "delle nazioni, delle istituzioni e dell'informazione", come quelli "di civiltà, convocati da Dio, dalla storia e dall'avvenire" ad avviare, ciascuno nel proprio campo, processi di pace, "non sottraendosi dal gettare solide basi di alleanza tra i popoli e gli Stati".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo