cerca

ELECTION DAY

Il primo discorso di Donald Trump: "Sarò il presidente di tutti"

Il primo discorso di Donald Trump: Sarò il presidente di tutti

Forse nemmeno lui ci credeva fino in fondo. Forse neanche lui, alla vigilia di questo storico 8 novembre, pensava che ce l'avrebbe fatta. È stata una lunga notte ma adesso Donald Trump può festeggiare. E lo fa con i suoi supporter radunati all'interno dell'hotel Hilton. Il tycoon aveva organizzato un party ad inviti, probabilmente anche perché non immaginava che, alla fine, ci sarebbe stato qualcosa da celebrare.

Il 45° presidente degli Stati Uniti si presenta subito dopo aver ricevuto la telefonata di Hillary Clinton che ha riconosciuto la sconfitta. Ed è a lei che vanno le sue prime parole. "Mi dispiace di avervi fatto aspettare - esordisce - ma la questione era un po' complicata. Ho appena ricevuto una chiamata dal segretario Clinton che si è congratulata con noi e io mi sono congratulato con lei e la sua famiglia per una campagna molto dura in cui ha combattuto con le unghie e con i denti. Dobbiamo essere grati a Hillary Clinton per quello che ha fatto per il nostro Paese".

Parole che mostrano un radicale cambiamento rispetto ai toni utilizzati in campagna elettorale. Non a caso, subito dopo aver reso l'onore delle armi all'avversari, Trump si rivolge al Paese: "È giunto il momento di curare le ferite della divisione. Repubblicani e Democratici devono riunirsi in un popolo solo, e io mi impegno ad essere il presidente di tutti gli americani. Mi rivolgo a quelli che non mi hanno appoggiato in passato, e non li biasimo. A voi mi rivolgo per ricevere indicazioni per essere un unico paese".

The Donald ci tiene a sottolineare che questa non è la sua vittoria. Ma è la vittoria di "un grande movimento che raccoglie americani tutte le razze e religioni. Un movimento a servizio del popolo che lavorerà per ricostruire la nostra nazione". Il resto, oltre ai ringraziamenti di rito, sono spezzoni di programma: "gli uomini e le donne dimenticati di questo paese non lo saranno più", "raddoppieremo la crescita e creeremo la più forte economia del mondo",  "andremo d'accordo con tutti e creeremo una rete di rapporti con gli altri paesi".

"Non c'è nessun sogno troppo grande, nessuna sfida troppo grande che possa mettere a rischio il nostro futuro - conclude -Dobbiamo sognare in grande". Perché i sogni, lui lo sa bene, son desideri. Che a volte si realizzano.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Jennifer Lopez bella e sensuale ai Billboard Latin Music Awards

Incidente in fabbrica, migliaia di litri di succo di frutta nelle strade
Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce