cerca

finale di tim cup vinta 2-0

Trionfo Lazio. La festa è biancoceleste

La squadra di Inzaghi asfalta l'Atalanta e vince la settima Coppa Italia. In gol Milinkovic-Savic e Correa

La Lazio alza la Coppa Italia. Biancocelesti in festa

La Lazio vince la finale di Coppa Italia battendo negli ultimi minuti l’Atalanta per 2-0. All’82’ Milinkovic-Savic, appena entrato, sblocca il match mentre Correa al 90’ chiude il match di Roma. Peccato per gli scontri e le tensioni tra ultrà laziali e forze dell’ordine, prima del fischio di inizio fuori lo stadio Olimpico: cariche e idranti in zona Ponte Milvio, diversi agenti sono rimasti feriti e un’auto dei vigili è stata incendiata. La cornice dei 60 mila spettatori però regala la degna festa che ci si augurava alla vigilia, la gara sul campo non è da meno anche se aggressiva (7 ammoniti totali). La prima, doppia, occasione da gol è di marca bergamasca con il palo colpito al 25’ da De Roon e il successivo tentativo di Zapata. Resterà l’unica vera chance della prima frazione, che pure la Lazio ha giocato a buoni ritmi sfruttando soprattutto le ripartenze di Correa. La ripresa scorre senza particolari sussulti se non per la parata in due tempi di Strakosha su Castagne al 49’ e l’imbucata di Correa al 69’ con ottima chiusura di Palomino. Determinante per i biancocelesti l’ingresso in campo di Milinkovic-Savic al 78’ che cambia l’inerzia della partita. Il serbo sfrutta i centimetri e l’assist di Leiva per sbloccare il match all’82’ con l’1-0. Poi per la Lazio è tutta in discesa, al 90’ scoccato Correa si invola da solo e chiude la contesa con il decisivo gol del 2-0 che regala la Coppa Italia alla squadra di Inzaghi, oltre che la qualificazione in Europa League.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro