cerca

è addio

Totti sbatte la porta in faccia a Pallotta

Dopo 30 anni a Trigoria finisce nel modo peggiore la storia inimitabile del simbolo giallorosso. La società gli offre il ruolo di direttore tecnico ma Francesco si nega e rifiuta. Domani annuncio al Coni

Totti sbatte la porta in faccia a Pallotta

Finisce nel modo peggiore possibile. Rabbia, distanza, gelo, rancore e accuse reciproche: la storia tra la Roma e Francesco Totti, esempio rarissimo di romanticismo nel calcio, si chiude con un mix micidiale. Il capitano ha deciso di lasciare il club e domani lo annuncerà ufficialmente in una conferenza stampa organizzata dalla cognata Silvia, sorella di Ilary Blasi, nel Salone d’Onore del Coni, dove l’amico Giovanni Malagò gli spalancherà le porte «in quanto campione del mondo - spiega il numero 1 del Comitato Olimpico - e Collare d’oro, che è la massima onorificenza dello sport».

La Roma lo è venuto a sapere dai media dopo che il ceo Fienga al telefono ha provato a convincere l’ex capitano a prendersi quantomeno altro tempo. Nessuna dimissione formale, solo un saluto freddissimo e polemico. Totti dirà addio alla Roma lontano da quella che è stata la sua casa per trent’anni, gli ultimi due nei panni da dirigente che non ha mai sentito come suoi. E allora meglio chiuderla qui prima di rovinarsi il resto della vita a vicenda con la Roma. Perché questo stava succedendo in un rapporto che con la proprietà americana non è mai decollato. Un retroscena spiega quanto sia insanabile la frattura: quando Pallotta, durante le riunioni della scorsa settimana a Londra con i dirigenti e Fonseca, è stato...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro