Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alessandro Austini [email protected]po.it Totti c'è. ...

default_image

  • a
  • a
  • a

E già troppi i problemi per Spalletti che dovrà fare a meno di Vucinic, De Rossi e Perrotta squalificati. Ieri mattina Totti si è presentato in anticipo a Trigoria per lavorare in palestra e poi affacciarsi sul campo dove ha svolto una corsa leggere insieme al preparatore Vito Scala. La fisioterapia e i fanghi di Fiuggi lo hanno aiutato ad allontanare il dolore dal ginocchio che però non è ancora a posto. Con l'Empoli ha ricevuto un colpo sulla gamba sinistra e, cadendo, ha appoggiato male il ginocchio destro - già malandato dopo il derby - procurandosi una leggerissima distorsione al legamento esterno. Ma già oggi aumenterà i carichi di lavoro e col Cagliari si presenterà in campo dall'inizio. Non sarà al 100% ma a Spalletti basta e avanza. «Sono rimasto nella Capitale - racconta Totti in un'intervista a Sky - perché vincere qui equivale a vincere dieci volte da qualsiasi altra parte. Voglio una squadra competitiva per conquistare tutti i trofei possibili. E se dovessero arrivare Toni o Van Nistelrooy sarei contento: più siamo e meglio è». Il capitano si dice poi favorevole alla moviola in campo. «Così l'arbitro avrebbe più secondi per decidere e potrebbe rivedere quello che è successo». Per il momento non se ne parla. Meglio guardare agli impegni di un finale di stagione intenso in cui la Roma si gioca tutto. A Cagliari difficilmente ci sarà Juan: oggi il responso dopo che il brasiliano avrà provato a forzare in allenamento. Al posto di De Rossi toccherà a Brighi, con Pizarro in regia e Aquilani a fare le veci di Perrotta. Oltre a fronteggiare l'emergenza, i giallorossi sfideranno un tabù: a Cagliari non vincono da oltre dodici anni. Il 29 ottobre 1995, con Mazzone in panchina, l'ultimo successo romanista al Sant'Elia: 0-2 firmato Daniel Fonseca. Da allora una vera e propria maledizione: cinque sconfitte e un pareggio. Nel '97 vinsero i sardi che poi finirono in serie B: quel 2-1 costò la panchina a Carlos Bianchi. Il 10 gennaio del '99 la Roma di Zeman perse 4-3 una partita incredibile, quindi anche Capello tornò a mani vuote da due trasferte sull'isola: doppio 1-0 per i padroni di casa in campionato e coppa Italia. Dal 2000 al 2004 il Cagliari ancora in serie cadetta. Al primo appuntamento con i giallorossi dopo la promozione, nel marzo 2005, fece saltare un'altra panchina: 3-0 e tanti saluti a Gigi Del Neri. Nel primo anno a Trigoria di Spalletti uscì uno 0-0, l'anno scorso vinsero ancora i sardi 3-2 contro una Roma ormai sicura del secondo posto. Quel giorno Totti segnò i suoi primi due gol al Sant'Elia. Il bilancio complessivo è più confortante: su 28 precedenti i giallorossi hanno perso dodici volte e vinto dieci. Una di queste nell'anno del secondo scudetto: 1-3 alla prima giornata grazie a Faccini, un' autorete di Loi e Iorio. Hai visto mai che...

Dai blog