cerca

lo spettacolo

Li regazzini del 1849, arte poliedrica in scena al Flaiano

Li regazzini del 1849, arte poliedrica in scena al Flaiano

La scorsa settimana, organizzata dal Teatro Orazero, è andato in scena al Flaiano uno spettacolo davvero poliedrico, interpretato dalla bravissima attrice-burattinaia Susanna Giampistone, e scritto dal Maestro Roberto Bruni, presidente dell’Associazione “Gli Amici di Righetto”.

La peculiarità è stata l’unione di un dramma surreale scritto e recitato in romanesco – quello vero! – riguardante l’azione eroica degli “umili regazzini” del 1849, che hanno donato la vita combattendo per la Repubblica Romana, e delle storie moderne di ragazzini vittime di bullismo, del rifiuto scolastico, dell’esclusione sociale. Lo spettatore entra subito in empatia con la bravissima attrice, e prova una commossa partecipazione. Da una parte, per gli echi di un senso identitario, di un dialetto lontano e così bello da riscoprire, per il senso di stupore incredibile che ogni volta suscita la storia di Righetto, quella Roma perennemente sospesa tra l’ardore ideale di un nuovo e più giusto avvenire e la sempiterna tradizione curialesca; dall’altra per il grido dolente e inascoltato degli ultimi della società odierna. Un connubio sicuramente da riproporre nelle scuole romane, per la straordinaria importanza della diffusione della storia e delle storie interpretate.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro