cerca

allarme sicurezza

I clandestini non si trovano più

Scomparsi i tunisini da rimpatriare scesi a Fiumicino per un guasto all'aereo

I clandestini non si trovano più

A quest’ora, se hanno buone gambe e abbastanza fiato, i quindici tunisini rimessi in libertà grazie al guasto dell’aereo avranno già raggiunto la frontiera e magari azzardato il superamento del confine. Diversamente, invece, saranno nascosti chissà dove. Solo per due di loro è stato possibile il ricollocamento nei Cpr (Centri di Permanenza per il Rimpatrio, ex Cie), al contrario dei più fortunati, rimessi in libertà con l’Ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale entro sette giorni, pena un’ammenda fino a 20mila euro che difficilmente verrà pagata dallo straniero irregolare. Il problema nasce laddove sia altamente improbabile che il destinatario di un decreto di espulsione, che magari sia arrivato in Italia dopo chissà quali peripezie, ottemperi all’obbligo di tornarsene in patria autonomamente nel giro di una settimana. Mentre è un fatto che lo stesso immigrato si ritrovi con più provvedimenti a carico e venga fermato più volte dalle stesse forze dell’ordine che magari, senza successo, lo avevano accompagnato in aeroporto...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Fabio

    Castrichelli

    15:05, 18 Settembre 2018

    Questa è l'Italia che ci hanno lasciato le ideologie di sinistra. Un Paese che non sa difendere i propri confini non è degno di chiamarsi Stato e non dovrebbe avere neanche una bandiera Nazionale. L'ideologia comunista che ha sempre anteposto la falce e martello al bianco, rosso e verde ha incancrenito il rispetto e l’amore per la “madrepatria”

    Rispondi

    Report

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro