cerca

emergenza immigrazione

Salvini smentisce la Chiesa: "Meno sbarchi, meno morti"

Lo scontro fra il presidente della Cei, monsignor Bassetti e il vicepremier sulle politiche migratorie del Governo

Salvini smentisce pure la Chiesa: "Meno sbarchi meno morti"

Matteo Salvini

"I migranti vanno soccorsi e salvati, non rimandati o bloccati in Paesi terzi non sicuri". Le parole di monsignor Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, sono decise e affilate: una critica, per nulla velata, alle politiche migratorie del Governo. Bassetti si domanda chi, alla fine, si assumerà la responsabilità di chi perde la vita nel Mediterraneo e della mancata integrazione. Certo, sono diminuiti gli sbarchi, ma aumentano i morti in mare, "in modo esponenziale". Non solo. I problemi si presentano anche dopo gli sbarchi. I migranti "non basta accoglierli e dar loro un pezzo di pane: la persona va integrata", sottolinea il presidente della Cei, che ricorda la parabola del buon samaritano. Questi, di fronte all'uomo tramortito dai briganti, si è fermato, gli ha dato un primo soccorso, lo ha caricato sulla sua cavalcatura, gli ha pagato l'albergo promettendo di tornare per saldare il resto dovuto.

Quasi immediata la replica del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che risponde al cardinale a muso duro, negando l'aumento di decessi: “Sono diminuiti gli sbarchi, sono diminuiti i morti - dice - Spero che nessuno abbia nostalgia dei 600mila sbarchi degli ultimi anni, dei miliardi sprecati, dei troppi reati, delle migliaia di morti del passato". Il ministro dell'Interno sottolinea che "oggi in Italia si arriva col permesso, i porti sono chiusi per scafisti e delinquenti”.

La parabola evangelica, però, secondo il rappresentante dei vescovi italiani, non viene seguita dall'esecutivo giallo-verde, su cui Bassetti non ha alcun dubbio: "Mi fa paura la rigidità che vedo in alcune soluzioni di oggi". Ma "come prete e come vescovo mi fa ancora paura la parola di Dio", che chiede di accogliere e proteggere i più deboli. È più conciliante il segretario generale, monsignor Stefano Russo, che definisce il rapporto con il governo come "un dialogo attivo, attento e propositivo", che "si può sempre migliorare". Da Bassetti, invece, l'attacco è frontale sul decreto Salvini, definito "insufficiente e da rivedere". Finché ciò non accadrà, "dobbiamo sopperire noi". Quindi "come Chiesa, abbiamo un compito ancora più grande".

Bassetti, in linea con il centro Astalli che ha presentato il suo rapporto annuale, prende atto che la chiusura dei porti ha ridotto gli arrivi. Non sono diminuiti, però i morti in mare: "nel 2017 erano 26 ogni mille, l'anno scorso si è saliti a 35 ogni mille, e quest'anno si potrebbe arrivare a 100 ogni mille". È un fatto che episodi come la protesta per lo spostamento di una cinquantina di persone in un centro d'accoglienza a Roma, a Torre Maura, mostra che il livello di sopportazione delle periferie è arrivato praticamente al limite. Russo, segretario generale Cei, sottolinea che "bisogna evitare la guerra tra poveri".

Bassetti, invece, si augura che si tratti di una protesta locale, non un termometro della situazione nazionale. Quindi, rispondendo sull'episodio del pane calpestato, dice: "Anche quando abbiamo visto versare il latte, in Sardegna, dei vescovi si erano raccomandati di darlo ai poveri, alle persone bisognose. Esistono dunque episodi come questi, ma ne esistono anche altri che sono invece bellissimi".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • BRUNO

    GREGOLIN

    14:38, 05 Aprile 2019

    Dunque, se ho ben capito, tutti i disagi dovuti alla invasione dei forestieri deve ricadere sui cittadini italiani. Il cardinale però non dice quanti ne dovrebbero arrivare. 100 mila, 1 milione, 5 milioni, tutta l'Africa? Gia che c'è il Cardinale dovrebbe anche suggerirci chi e con quali risorse è chiamato ad affrontare questa marea di persone. Inoltre. Il Vaticano quanti palazzi metterebbe a disposizione? Non viene il dubbio al Nostro Cardinale che il Vangelo, del buon samaritano, non parla di una politica da attuare da parte di un governo, ma più semplicemente dell' atteggiamento di ogni singola persona nei confronti di una specifica evenienza. Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio. La separazione tra stato è religione deve essere mantenuta altrimenti ritorniamo alle guerre guerreggiate tra papato ed imperatori, e questo non è una bella prospettiva.

    Rispondi

    Report

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro