cerca

I diari del Dibba

Di Battista si crede
il nuovo Kerouac

Il film "sulla strada" americana. A parte un po' di sana retorica grillina, non esiste motivo per guardarlo

Di Battista si crede il nuovo Kerouac

Lezione numero uno: più grande è l' attesa, più lo è il rischio che all' atto pratico si ammosci (l'attenzione). Lezione numero due: il principio di cui sopra è perfettamente applicabile alla prima puntata del reportage americano di Di Battista.

Per carità, onorevole l'intenzione del viaggio, graziosa l'immagine di una famiglia, due giovani genitori (lui e la compagna Sahra) e del bambino appena nato (il piccolo Andrea) che si mettono in viaggio verso dall' altra parte del mondo. E però ci ha fatto due scatole così da mesi, sul parte o non parte, sul me ne andrò in America a fare reportage, e sul fatto che avrebbe viaggiato sui mezzi pubblici, che almeno uno si sarebbe aspettato qualcosa di meno scontato. E invece, questa prima puntata di ventisei minuti e poco più de «L' Orizzonte Lontano», rilasciata ieri sulla piattaforma Loft, è una piccola summa di retorica dibattistiana, ossia: che guevarismo di quartiere buttato là, il messaggio (recepito, sì, ora anche basta) del mollo tutto e me ne vado, qualche punta pauperista, un lieve cazzeggiamento introspettivo equal che acuto di solidarismo sull'immigrazione ma con juicio, perché sono pur sempre gli amici della Lega.

Questi minuti, dunque, iniziano in profondità: «Può sembrare strano avere voglia di mollare una carriera politica avviata e scegliere di partire. In realtà sapevo che questo giorno sarebbe arrivato...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni