cerca

La coupé giapponese che cambiò tutto

La piccola Mazda R360 compie sessant'anni

Fu il primo mezzo per trasporto persone della Casa

La piccola Mazda R360 compie sessant'anni

Quando le auto erano l'espressione della nostre società e del nostro stile: così come di quello altrui. Il piccolo mito giapponese R360 compie sessant'anni: coupé due porte, meni di quattrocenti chili, per 90 chiloemtro orari. La piccola indimenticabile Mazda R360 entrata nell'immaginario collettivo prima del popolo nipponico e poi del resto del mondo come sempio di tecnologia e stile d'avanguardia. L'ingegneria leggera ha una lunga tradizione in Mazda, che risale alla sua prima autovettura. Una piccola coupé adorabile lanciata 60 anni fa, la Mazda R360 stabilì immediatamente un nuovo punto di riferimento per le microcar in Giappone, superando la concorrenza fin dal primo giorno. Ha anche definito il DNA di Mazda come produttore di veicoli eleganti, efficienti e soprattutto divertenti da guidare. I parallelismi tra allora e adesso sono molti. Poco conosciuta al di fuori del Giappone, la Mazda R360 è stata un grande successo in casa. La prima autovettura della compagnia vendette 4.500 unità il giorno in cui fu lanciata nel maggio 1960 e catturò quasi i due terzi del fiorente segmento delle "auto kei" (microcar) del Giappone entro la fine di quell'anno, per non parlare del 15% del intero mercato automobilistico nazionale. Fu un momento spartiacque per Toyo Kogyo, come all'epoca fu chiamata Mazda Motor Corporation. Per il produttore di camion, è stato l'inizio di una nuova era per la produzione di auto non convenzionali. La R360 divenne un bestseller immediato nonostante non fosse la prima auto kei sul mercato. Ma diventò subito la più popolare grazie al suo aspetto elegante, al design leggero, al coinvolgimento del guidatore e alla convenienza - caratteristiche delle Mazda di oggi. Era anche molto efficiente, con un motore a quattro tempi più silenzioso e pulito, oltre a un maggiore consumo di carburante, durata e facilità d'uso rispetto ai propulsori a due tempi utilizzati dalla concorrenza. Il V-twin da 360 cm3 dell'R360 ha prodotto 12kW / 16PS, che non suona molto, ma deve solo spostare 380 kg. La velocità massima era di 90 km/h: rispettabile per la classe e ottimo prodotto anche considerando le condizioni stradali all'inizio del 1960 in Giappone.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro