cerca

Dalla sardegna 3 punti pesanti

Poker al Cagliari e la Roma riparte, ma che sofferenza

Poker al Cagliari e la Roma riparte, ma che sofferenza

Di tiziano carmellini


Un’altra battaglia, un’altra sofferenza infinita: è la Roma che vince a Cagliari, dove ogni volta è un’epopea, ma rischia grosso come sempre nel finale in una partita che poteva essere chiusa dopo venti minuti. E invece, nonostante un dominio pressoché costante, la squadra di Fonseca si ritrova di nuovo a tirare un sospiro di sollievo ai tre fischi dell’arbitro di turno. Certo, difficile continuare a chiamarla Roma con nove assenze pesantissime: praticamente un’altra squadra senza Diawara, Mancini, Pastore, Pellegrini, Perotti, Zaniolo, Zappacosta e con Dzeko e Veretout non al meglio e quindi relegati in panchina.

Ma questo è quello che passa il convento al momento e il povero Fonseca deve adattarsi: e lo fa nel modo giusto azzeccando tanto le scelte iniziali quanto i cambi a partita in corso. Giusto dare un’altra occasione a Kalinic, fin qui oggetto misterioso: era a zero gol in dodici presenze delle quali quattro da titolare. Così, alla quinta dall’inizio, l’attaccante croato ringrazia non solo con il primo gol in giallorosso, ma addirittura con doppietta e assist per il gol di Kluivert. 

Ma l’uomo chiave, ancora una volta e per la terza consecutiva, è l’armeno Mhkitaryan migliore dei suoi che anche stavolta segna e si conferma la vera anima di questa squadra. La Roma vince la seconda gara consecutiva e dopo la qualificazione agli ottavi di Europa League, resta in scia all’Atalanta per la rincorsa a un quarto posto ancora lontano: e segna otto gol in due partite. 

Eppure la serata sembrava mettersi male, perché dopo venti minuti di solo Roma, arriva la beffa targata Joao Pedro: gran pallonetto su Pau Lopez trovato lontano dai pali e Cagliari in vantaggio. Un minuto dopo Pellegrini (Luca) fa la prima cosa da romanista della sua carriera regalando a Kalinic il clamoroso pallone per il gol del pari. Il secondo assist per l’attaccante croato porta invece la firma di Mhkitaryan (è il quarto) e sul 3-1 sembra chiusa. Macché, questa è la Roma, così prima Kluivert sbaglia due gol clamorosi, poi arriva il 3-2 targato Pereiro, quindi il 4-2 sulla punizione di Kolarov sulla quale Mhkitaryan spizza di testa, fino al paradossale 4-3 firmato ancora Joao Pedro: stavolta dal dischetto con parata di Pau Lopez e ribattuta in rete di testa dell’attaccante. 

Mancano sei minuti più recupero e scatta l’inevitabile finale rocambolesco già visto qui a Cagliari (sembra sempre la stessa partita) con la squadra di Maran  avanti a testa bassa e la Roma a tener duro per portar via dalla Sardegna tre punti pesanti e importanti. Bellissimi per Fonseca & Co., ma certo con troppa sofferenza. Insomma la solita storia.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro