cerca

Calcio Serie A

Inter salda in vetta aspettando il big match con la Juve

Batte la Samp 3-1 al Marassi

Inter salda in vetta aspettando il big match con la Juve

In attesa del big match della prossima settimana a San Siro contro la Juventus, l’Inter resta saldamente in vetta alla classifica a punteggio pieno superando 3-1 la Sampdoria a Marassi. A decidere l’incontro una doppietta di Alexis Sanchez, 20’ e 22’, terzo gol di Gagliardini al 61’. Sanchez si fa espellere a inizio ripresa lasciando i nerazzurri in 10. La sesta vittoria consecutiva porta i nerazzurri a 18 punti, fanalino di coda con 3 punti i blucerchiati. Inizio di gara in equilibrio, al minuto 11 colpo di testa del giovane nerazzurro Bastoni, alto sopra la traversa. Al 20’ la squadra di Conte passa: Sensi avanza e dalla trequarti prova a sorprendere Audero, sulla traiettoria c’è la deviazione decisiva di Alexis Sanchez che spiazza l’estremo difensore. Due minuti più tardi il colpo del ko, Sanchez si fa trovare pronto a due passi dalla linea di porta per il tap-in vincente su un tiro svirgolato da Sensi. Per il giocatore cileno si tratta di un ritorno al gol in Serie A dopo 8 anni, l’ultima volta fu con la maglia dell’Udinese. La replica dei doriani è una conclusione di Quagliarella dal limite fermata da De Vrij. Alla mezz’ora Jankto tenta la conclusione al volo per i liguri ma non trova lo specchio. Due minuti più tardi uscita al limite dell’area di Audero per anticipare l’attaccante il solito Sanchez. Giro di orologio e l’ex Manchester United si trasforma in uomo assist per Candreva che infila sul primo palo il portiere doriano ma l’arbitro annulla per fuorigioco.

 L’ Inter gioca sul velluto grazie al doppio vantaggio, Lautaro Martinez parte sulla linea del fuorigioco e arriva in area, il diagonale è di poco fuori misura. Tiro a giro di Asamoah, Audero si salva coi pugni. Poco dopo Lautaro stoppa e tira di sinistro da fuori area, il n.1 blucerchiato blocca in presa bassa. Sull’altro fronte Quagliarella viene murato al momento del tiro, recupera Linetty, alto. Il primo tempo si chiude con una incornata di Skriniar alta. A inizio ripresa ingenuità di Alexis Sanchez che viene espulso per somma di ammonizioni dopo una simulazione punita da Calvarese. Al 54’ si riapre la partita, Linetty per Jankto che riceve un suggerimento in area, si gira e di sinistra beffa Handanovic grazie anche alla deviazione di Skriniar. Conte inserisce Lukaku per Lautaro. Out anche Candreva per D’Ambrosio.

L’entusiasmo sugli spalti spinge la Samp ma l’ Inter colpisce a freddo al 61’: Brozovic verticalizza per Gagliardini, il portiere respinge il tocco della attaccante ma non blocca e sulla ribattuta l’attaccante lo punisce. Nuovo cambio, dentro Barella per Sensi. Di Francesco cerca forze fresche per l’assalto finale. Dentro Vieira e Caprari per Ekdal e Linetty. Al 72’ Jankto anticipa D’Ambrosio di testa ma non trova la porta. Contropiede Inter con Lukaku che tenta di sorprendere Auderio con un cucchiaio ma il portiere fa buona guardia. Tiro-cross di Rigoni, Handanovic respinge di pugno. Nel recupero gran botta da fuori di Vieira, Handanovic salva in angolo. Sul conseguente corner tocco di Lukaku con la palla che arriva a Quagliarella sul secondo palo, l’attaccante però non riesce a inquadrare la porta. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro