cerca

hammamet

Pierfrancesco Favino: così sono diventato Bettino Craxi, leader solo

In più di un’occasione Pierfrancesco Favino ha dato prova di essere un attore istrionico e camaleontico. Se è stato incredibile nei panni di Tommaso Buscetta ne “Il traditore” di Marco Bellocchio, in “Hammamet” di Gianni Amelio (al cinema dal 9 gennaio) è riuscito a battere se stesso con un’interpretazione da Oscar, che non ha nulla a che invidiare a quelle degli attori hollywoodiani.

Non solo per la somiglianza a Bettino Craxi, ma per la sua ricerca di verità in tutti gli aspetti dell’ex leader del Psi, dall’aspetto alla camminata, dalla parlata al respiro.

Di Craxi, l’attore ci racconta: “Quando occupi un ruolo pubblico così importante come il suo, sai che c’è un aspetto della tua vita a cui rinuncerai. La solitudine fa parte della vita di un leader, ma anche di quella dell’attore”. E poi fa un bilancio dei suoi primi cinquant’anni: “Sono felice di essere arrivato a interpretare personaggi così (riferendosi anche a Buscetta, ndr) in questa fase matura della mia vita”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro