cerca

289 milioni

"Il glifosato è cancerogeno", maxi risarcimento per il giardiniere che ha sfidato la Monsanto

Il colosso della chimica farà ricorso: "Il prodotto è sicuro"

"Il glifosato è cancerogeno", maxi risarcimento per il giardiniere che ha sfidato la Monsanto

Dewayne Johnson ha vinto la sua ultima battaglia. Una giuria californiana ha ordinato al gigante chimico Monsanto, multinazionale di biotecnologie agrarie, di pagare quasi 290 milioni di dollari di risarcimento al custode che aveva utilizzato il pesticida che, secondo i giudici, gli ha causato un cancro alla pelle che ora è allo stadio terminale. I giurati hanno riconosciuto all'unanimità che la Monsanto - che ha promesso di fare appello - ha agito con "malizia" e il glifosato contenuto nel Roundup e nel prodotto 'fratello' Ranger Pro, usati da Johnson contro le erbacce degli spazi esterni delle scuole in cui era custode e giardiniere a Benicia, nella Bay Area, hanno contribuito "sostanzialmente" alla sua malattia.

"Voglio ringraziare tutti i membri della giuria dal profondo del mio cuore", ha detto Johnson, 46 anni, durante una conferenza stampa dopo il verdetto. "Sono felice di essere qui, la causa è molto più grande di me, speriamo che questa cosa catturi l'attenzione di cui ha bisogno" ha aggiunto. L'uomo sempre presente durante le udienze, ha ascoltato il verdetto in lacrime, commuovendo anche i giurati.

A Johnson, giardiniere californiano, è stato diagnosticato nel 2014 il linfoma non-Hodgkin - un tumore che colpisce i globuli bianchi - iniziando così il suo calvario. La causa si è basata sui risultati del 2015 dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità dell'Onu, che classificò il glifosato ingrediente principale del Roundup come probabile cancerogeno, facendo sì che lo stato della California seguisse l'esempio. 

"Siamo solidali con il signor Johnson e la sua famiglia", ha detto Monsanto in una dichiarazione che promette di appellarsi alla sentenza e "continuare a difendere vigorosamente questo prodotto, che ha una storia di 40 anni di uso sicuro e continua ad essere un vitale, efficace e strumento per gli agricoltori e altri".

Ma l'avvocato di Johnson, Brent Wisner, ha dichiarato che il verdetto "dimostra che le prove sono schiaccianti" che il prodotto rappresenta un pericolo. "Quando hai ragione, è davvero facile vincere", ha detto. Wisner ha definito la sentenza la "punta della lancia" del contenzioso che probabilmente verrà.

La causa è la prima ad accusare il prodotto di provocare il cancro, ma gli osservatori dicono che una sconfitta della Monsanto probabilmente aprirà la porta a migliaia di altre rivendicazioni contro la compagnia, che è stata recentemente acquisita dalla tedesca Bayer. Robert F. Kennedy Jr - un avvocato ambientale, figlio del defunto senatore degli Stati Uniti e membro del team legale di Johnson - ha abbracciato il giardiniere dopo il verdetto. "La giuria ha inviato un messaggio al consiglio di amministrazione di Monsanto che devono cambiare il modo in cui fanno affari", ha detto Kennedy, che ha difeso pubblicamente il caso.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni