cerca

Sisma a est di Bali

Terremoto in Indonesia, i morti sono 142. La Farnesina: non ci sono italiani coinvolti

Terremoto in Indonesia, i morti sono 91. La Farnesina: non ci sono italiani coinvolti

Sale a 142 il numero delle vittime del terremoto che ieri sera ha colpito l'Indonesia, nella zona dell'isola di Lombok, con una magnitudo di 6.9. Secondo il portavoce dell'Agenzia per i disastri naturali, Sutopo Purwo Nugroho, almeno 209 persone sono rimaste gravemente ferite. Il sisma ha distrutto 13mila edifici. Il bilancio pertanto è destinato ad aumentare, man mano che i soccorritori si fanno strada tra la macerie. Finora sono state evacuate migliaia di persone.

Le strade sono danneggiate, così come i ponti, e molte località sono difficili da raggiungere. Da ieri è in corso un'operazione per evacuare circa 1.200 turisti dalle Gili, tre minuscole isole tropicali a pochi chilometri a nord ovest da Lombok.

"Non risultano italiani feriti o irreperibili" dopo il forte sisma che ha colpito l'isola di Lombok in Indonesia. Lo riferisce la Farnesina che è a lavoro da ieri con "l'Unità di crisi e la rete diplomatica" sul territorio indonesiano e "ha dato assistenza ai connazionali presenti". In queste ore la rete del ministero degli Esteri sta "continuando a monitorare con la massima attenzione" la situazione per "fornire assistenza".

Molti edifici, secondo le autorità, sono stati danneggiati dalla scossa, il cui ipocentro è stato registrato dall'istituto geologico statunitense (Usgs) a 10 chilometri sottoterra. La scossa principale è stata poi seguita da un'altra di potenza moderata, registrata a 5,4, e poi da due decine di repliche. Gli abitanti di Mataram hanno raccontato di aver sentito il potente sisma e di essersi quindi rifugiati velocemente in strada, mentre le linee elettriche s'interrompevano e il principale ospedale della città evacuava i pazienti ricoverati.

Tra le vittime ci sono certamente un bambino di un anno e un anziano di 72 anni. Secondo il bilancio, al momento provvisorio, altre 52 persone sono rimaste ferite. Dopo il sisma, le autorità hanno diffuso un'allerta tsunami, invitando gli abitanti a restare calmi e cercare rifugio in luoghi a elevata altitudine. L'allerta è poi stata revocata. Secondo Sutopo Purwo Nugroho, portavoce dell'agenzia per la gestione dei disastri indonesiana, i danni agli edifici sono riconducibili soprattutto al fatto che "la maggior parte di essi è costruita con materiali deboli".

In due villaggi l'acqua del mare è entrata con altezze di massimo 13 centimetri, ha poi spiegato il capo dell'agenzia meteorologica, di climatologia e geofisica, Dwikorita Karnawati, parlando alla tv locale. Inoltre, il sisma ha causato anche danni alle linee elettriche fino alla città di Bandung, a circa 955 chilometri da Mataram, sulla vicina isola di Giava. La scossa è stata sentita con forza anche nella vicina isola di Bali, frequentata meta turistica. Una settimana fa un terremoto di potenza 6,4 aveva colpito l'isola di Lombok, uccidendo 17 persone e danneggiando centinaia di edifici. Quel sisma aveva provocato varie frane, che avevano intrappolato escursionisti che si trovavano su popolari vie di montagna.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni