cerca

BELL'AMICO, di e con Luca D'Ascanio, e con Mariano Bartolomeu, Rosalinda Celentano, Giorgio Tirabassi, ...

Contemporaneamente un'amica gli chiede di ospitare un profugo angolano, aspirante regista. Nicola, già in crisi e tutto preso da un concorso universitario, direbbe volentieri di no, accetta invece perché, in caso contrario, la sua coscienza civile lo farebbe sentire un razzista. Presto però molti guai, dato che l'altro abusa di tutto, arrivando fino a sottrarre a Nicola la sua videocamera per riprendere il suo sconforto per l'abbandono di Laura. Opera comunque così bene che un produttore si dice subito disposto ad acquistargli il lavoro, ma adesso ci vuole il consenso di Nicola dato che è lui sempre in scena. E questo consenso, ancora per le stesse ragioni, non tarderà ad arrivare...
Un aneddoto curioso. L'esordiente Luca D'Ascanio, dandosi anche la parte di Nicola l'ha rappresentato ricorrendo inizialmente al digitale, con il risultato di molta immediatezza non solo nelle immagini ma anche nella struttura narrativa che, pur in realtà piuttosto elaborata, sembra scaturire sempre e, lì per lì dai personaggi e dalle loro reazioni. Si pensa, per un verso, al cinema verità e, per un altro, a quella libertà di racconto inaugurata a suo tempo dalla Nouvelle Vague. Però, pur riconoscendo l'originalità dell'idea ed anche le ambizioni dei suoi svolgimenti, non si può a meno di provare la sensazione di un'impresa un po' amatoriale, riscattata in parte dall'abilità con cui sono maneggiate le tecniche. Comunque un'opera prima che pretende attenzione, recitata da tutti (specialmente Rosalinda Celentano e Giorgio Tirabassi) con lodevoli impegni.
G. L. R.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro