cerca

IL VOTO NELL'EX PROVINCIA

Tutti gli eletti della Città Metropolitana

Ecco tutti gli eletti della Città Metropolitana di Roma

Palazzo Valentini

Il Movimento 5 Stelle non ottiene la maggioranza. Raggi: "Non è una battuta d'arresto"

Completato lo spoglio per l'elezione del nuovo Consiglio metropolitano. Come confermato dalle indiscrezioni il Movimento 5 Stelle non ha raggiunto la maggioranza. Hanno votato 1.372 degli aventi diritto su un totale di 1.674 pari ad un'affluenza dell'81,95%. Ecco nel dettaglio i numeri e i nomi dei 24 consiglieri eletti.

Per il Movimento 5 Stelle sono stati eletti nove consiglieri: Giorgio Fregosi, i capitolini Marcello De Vito, Paolo Ferrara, Giuliano Pacetti, Teresa Maria Zotta, Maria Agnese Catini, Gemma Guerrini, insieme al sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, quello di Marino, Carlo Colizza e quello di Nettuno, Angelo Casto. Per la lista "Le città della metropolì", a trazione Pd, entrano le consigliere romane Valeria Baglio e Svetlana Celli e poi Federico Ascani, Alessio Pascucci, Massimiliano Borelli, Michela Califano, Pierluigi Sanna e Flavio Gabbarini. Infine la lista "Territorio protagonista", con dentro le diverse anime del centrodestra, piazza Fabrizio Ghera - unico romano - Marco Silvestroni e Andrea Volpi di Fratelli d'Italia, Massimiliano Giordani e Mario Cacciotti di Forza Italia, insieme ad Alessandro Priori (area Marchini) e Giovanni Libanori (area Ciocchetti).

Nessun seggio invece per la lista Patto civico, presentata grazie alle firme del M5S, che puntava dunque a un'alleanza in grado di garantire la maggioranza. Tra gli esclusi eccellenti spicca il nome dell'esponente del Pd Mauro Alessandri, sindaco di Monterotondo, vicesindaco uscente e per molto mesi "sindaco reggente" della Città metropolitana dopo le dimissioni dal Campidoglio di Ignazio Marino. Sono 9, in tutto, i consiglieri provenienti da Palazzo Senatorio (10 con il sindaco Raggi), mentre i restanti 15 sono esponenti dei Consigli comunali del resto del territorio provinciale.

"Non è una battuta d'arresto, anche questa occasione viene usata dai rappresentanti della vecchia politica come spunto per polemiche vuote e poco utili" denuncia la sindaca Virginia Raggi dopo i risultati del voto. "Il Movimento 5 Stelle correva da solo ed ora passa da 2 seggi a 9; mentre il Pd crolla da 16 seggi a 8, peraltro in coalizione - chiarisce la sindaca sul suo profilo Facebook - Al di là dei numeri, vale la pena sottolineare che per sindaci e consiglieri comunali inizierà un secondo lavoro che leverà tempo alle attività per le quali sono stati votati dai cittadini. Peraltro le singole competenze dovranno essere ridefinite mediante legge regionale".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni