cerca

LE URNE IN LOMBARDIA E VENETO

Gli sprechi del referendum bluff al Nord, ecco come andranno in fumo 64 milioni di euro

Tablet, assistenti digitali e soldi buttati. Domani si vota ma non serve per ottenere l’autonomia

Gli sprechi del referendum bluff al NordEcco come andranno in fumo 64 milioni di euro

I governatori di Lombardia e Veneto, Roberto Maroni e Luca Zaia, hanno assicurato che non sono state sprecate risorse, che gli alti costi del referendum di domani per ottenere maggiore autonomia dallo Stato erano inevitabili.

Proviamo a mettere in fila qualche numero: 23 milioni di euro spesi solo in Lombardia per comprare 24mila tablet. La tecnologia, però, non semplifica. Gli apparecchi, infatti, hanno bisogno del supporto di 7.000 assistenti digitali che saranno sparpagliati per i seggi. Anche loro, ovviamente, da retribuire. Altri 24 milioni se ne sono andati in fumo alla voce «spese varie». Vi rientrano 1,3 milioni messi a bilancio per la campagna di promozione estiva (chi non ha letto l’opusculo «Scopri perché la Lombardia è speciale»?). Altri 1,3 milioni sono stati stanziati a settembre per tappezzare i muri e i mezzi pubblici di Milano con cartelloni e manifesti, 3 milioni invece servono per pagare gli agenti demandati a garantire l’ordine pubblico ai seggi. Spesa totale in Lombardia: 50 milioni di euro. Quasi il quadruplo di quanto ha messo a bilancio il collega leghista Zaia in Veneto: 14 milioni. Eppure proprio Zaia si è lamentato per...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Marino

    Brini

    10:10, 21 Ottobre 2017

    Referendum

    Viva il Referendum

    Rispondi

    Report

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello