cerca

IL PAESE CHE NON SI UNISCE

Boldrini bifronte, umilia i soldati poi li applaude

Secondo lei la Marina esiste solo se salva gli immigrati. Vuole la legge sulla tortura per colpire gli agenti. Però poi va ai Fori ad applaudire

La festa mesta di Laura la pacifista

Il presidente della Camera Laura Boldrini

Chissà se, in fin dei conti, alla Presidente Laura Boldrini non stia un po' di traverso che si dice "divisa" e non "diviso", che i brutti e i cattivi sono sempre gli uomini e tutti i conti tornano. Comunque, l’esistenza di un rapporto, per usar un eufemismo, non proprio agevolissimo tra la Terza Carica dello Stato e le Forze dell'Ordine, o gli uomini dei corpi d’armata, è fatto noto. A meno che non servano, gli uomini della Polizia Postale, a rintracciare autori di fotomontaggi ostili, in quel caso vanno bene, e vengono mobilitati in gran copia (accade a inizio legislatura, con proteste dei sindacati). Oppure, altro caso buono, è quando la Marina Militare diviene funzionale alla realizzazione della Grande Accoglienza ai migranti. In quel caso, secondo la Presidente, la Marina meriterebbe addirittura il Nobel, ma senza dirlo.

Spieghiamo: un paio d'anni fa, il Quotidiano Nazionale promosse una campagna per conferire ai nostri marinai, protagonisti nel salvataggio dei migranti, l'ambito riconoscimento e la Terza Carica dello Stato intervenne su quel giornale a velato sostegno, specificando però che per la "natura imparziale del ruolo di Presidente" non poteva pronunciarsi "formalmente a favore della candidatura della Marina militare italiana al Nobel". Peccato che, nello stesso intervento, la Presidente non avesse trovato spazio per i...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni