cerca

LE SCELTE DEI PARTITI

Berlusconi lancia Zaia ma lui non ci sta: "Mi tengo fuori"

Berlusconi lancia Zaia ma lui non ci sta: Mi tengo fuori

Silvio Berlusconi e Luca Zaia

Ora tutti lo tirano per la giacca e lo corteggiano. Soprattutto dalle parti di Forza Italia. E lui è costretto ogni volta a smentire. L'ultimo a fare il suo nome come possibile candidato premier del futuro centrodestra è Silvio Berlusconi: "Se non potrò tornare in campo, il centrodestra dovrà trovare qualcuno al suo interno. Zaia si sta comportando molto bene: dico Zaia o qualcun altro in grado di emergere e convincere tutti". Come previsto, l'endorsement del Cav alla vigilia del Consiglio federale della Lega solleva un polverone tra le fila del Carroccio. Sullo sfondo resta la battaglia sulla leadership per il "dopo-Silvio" e il nodo delle alleanze con il nuovo tormentone listone unico o coalizione? Scontata la doppia smentita. Del diretto interessato, in primo luogo: "Basta manfrine su di me, lasciatemi governare in pace". E poi anche quella del leader di via Bellerio, Matteo Salvini: "Se qualcuno pensa di mettere zizzania tra di noi facendo nomi, io dico che sono orgoglioso di quel che sta facendo Luca in Veneto, noi siamo una squadra".

Zaia, dunque, non ci sta a farsi mettere in mezzo. E la sua reazione è piuttosto stizzita. Sa benissimo, raccontano, che in questo momento un'eventuale discesa in campo sarebbe inopportuna dal punto di vista politico, perchè romperebbe gli equilibri interni al Carroccio e rischierebbe di bruciarlo. Tutto rinviato, se mai, a dopo la scadenza naturale del mandato regionale.

Già nelle settimane scorse sono più volte circolate voci su una candidatura del governatore Veneto (caldeggiata in particolare dall'asse forzista del Nord guidato da Giovanni Toti) ma sono state puntualmente smentite dallo stesso Zaia. Quel che più agita il centrodestra oggi, è la bocciatura senza riserve di Salvini della lista unitaria lanciata da Giorgia Meloni, la sua alleata più fedele del 'fronte sovranistà: "Quando capiremo con che sistema di vota, faremo le nostre scelte, non vedo domani minestroni a pranzo...". L'idea di un listone non è mai piaciuta a Berlusconi e viene stroncata pure da Gianni Alemanno, che avverte: «A me sembra una fuga in avanti».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    13:01, 01 Marzo 2017

    ZAIA E' UNA PERSONA PERBENE.....

    A quello smidollato di Berlusconi, mandiamo a dire che si faccia gli affarucci suoi e si tolga dai piedi! Chi scrive, che lo ha votato ripetutamente, insieme a tantissimi altri, e' uno che ripetutamente, e' stato beffeggiato, turlupinato, derubato, umiliato da lui ed i suoi accoliti. Chiunque, si metta con Berlusconi, e' come se si mettesse con quelli, del Partito Comunista o Democratico, come si chiama oggi. Non se ne esce. Chiunque oggi, vegeti in Parlamento, come tutti sanno, NON HA DIRITTO DI ESSERCI. Il POPOLO non li ha votati, come il tizio pelato napoletano, che ha fatto da Presidente della Repubblica, permettendo tutto questo macello esistente, nelle deue Camere e nelle Istituzioni, dovrebbe togliere il disturbo ed andarsene a morire....... da un'altra parte, che non sia l'Italia! amen

    Rispondi

    Report

.tv

Fra cascate e rocce lo spettacolo mai visto dei tuffi no-limits

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste
La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Opinioni