cerca

VELENI A SINISTRA

La minoranza rompe con Renzi. Emiliano, Speranza e Rossi: "Matteo ha scelto la scissione"

La minoranza rompe con Renzi. Emiliano, Speranza e Rossi: "Matteo ha scelto la scissione"

La scissione è realtà. In serata, dopo una giornata di interventi all'assemblea nazionale del Pd, è arrivato il colpo di scena. I tre leader della minoranza, Michele Emiliano, Roberto Speranza ed Enrico Rossi rompono gli indugi e dicono addio al Partito democratico: "Anche oggi nei nostri interventi in assemblea c'è stato un ennesimo generoso tentativo unitario. E' purtroppo caduto nel nulla. Abbiamo atteso invano un'assunzione delle questioni politiche che erano state poste, non solo da noi, ma anche in altri interventi di esponenti della maggioranza del partito. La replica finale non e' neanche stata fatta. E' ormai chiaro che è Renzi ad aver scelto la strada della scissione assumendosi cosi' una responsabilità gravissima". 

Eppure in tanti all'Hotel Parco dei Principi di Roma avevano tirato un sospiro di sollievo dopo aver ascoltato l'intervento del governatore della Puglia il quale, replicando alla relazione del segretario dimissionario Matteo Renzi, aveva confermato fiducia nell'ex premier. 

La giornata era iniziata con le parole di Renzi: "Soffro a parlare di scissione, come tutti noi. Ci siamo impelagati a dire 'congresso sì, congresso no'. Io ho cercato tutti i giorni di accogliere le propose degli altri. Ho accettato la proposta di Piero Fassino, ho comunicato formalmente le dimissioni. Il congresso ha dei tempi statutari. La parola scissione è una delle parole più brutte. Peggio c'è solo la parola ricatto. E la scissione è stata usata come un ricatto", ha detto Renzi che ha formalizzato le dimissioni e detto che il congresso si farà nei tempi previsti dallo statuto.

Renzo tira dritto
"Per sistemare questa assurda situazione poteva valere la pena fare un passo indietro, ci ho pensato", ha continuato il segretario: "Però ci ho pensato sul serio, perché mai come questi due mesi e mezzo siamo stati laici nelle decisioni, abbiamo ascoltato tutti, ma accettare oggi che si possa dire di no a una candidatura, accettare che possa essere eliminata una persona, sarebbe un ritorno al passato. Noi stiamo insieme per confrontarci". Non accetteremo mai, mai, mai e poi ami che qualcuno ci dica 'tu non vai bene, tu nei sei parte di questa comunità'. avete il diritto di sconfiggerci, non di eliminarci". 

Gli scissionisti
Dopo l'ultimatum di ieri Emiliano all'inizio usa toni concilianti: "Siamo a un passo dalla soluzione. La possibilità di restare insieme è a portata di mano. A volte anche un piccolo passo personale indietro, può servire a far fare 100 pass avanti a una comunità. Io ci sto provando. Ma è nelle mani del segretario e ho fiducia in lui". In serata la nota congiunta con Rossi e Speranza dà un senso diverso - e contrario - alle sue parole. 

Bersani e Rossi parlano di muri alzati da Renzi e di bastonate ricevute. "Siamo a un punto delicato. Una parte di noi pensa che se va avanti così il Pd va a sbattere - ha detto Bersani - Non vogliamo mandare a casa Renzi per forza. Stiamo dicendo che vogliamo discutere di una correzione di rotta. Renzi ha alzato un muro. Ma se si va avanti così, non sarà possibile aprire una discussione. Vediamo, c'è ancora la replica e sentiremo".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Hammurabi Babilo

    Antonio

    Gallinari

    19:07, 19 Febbraio 2017

    Finalmenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee. Forse l' Italia potrà ripartire !! Se ne vanno i sinistri !!

    Rispondi

    Report

  • giordano

    baldo

    15:03, 19 Febbraio 2017

    MARIONETTE....SUL PALCO...! Fossero V.I.P. !!!!! sono solo MARIONETTE che non fanno ridere, nel PAVONEGGIARSI (trattenendo il respiro....l'unica cosa che sanno fare..) la VERGOGNA SIA CON VOI...!

    Rispondi

    Report

  • mauro

    mattetti

    10:10, 19 Febbraio 2017

    NON ENTRO NEL MERITO, PERO'...

    Constatato l'avvicinamento di Emiliano (57 anni) con Berlusconi (sic!), che di anni, ne ha un pochetto di piu', ma, soprattutto di estrazione diversa, presumo di capire, come sia possibile, una forma di ricostituzione del partito socialista ,del de cuius piu' famoso, Craxi. Insomma, mi pare, che tutti, ma proprio tutti, vogliano ri-formare partiti defunti e stradefunti. Partiti, che viste le personalita', raccoglieranno si e no, il 5 o 6 per cento di voti, con la chiara possibilita', che a governare l'Italia, non ci sara' mai nessuno, degno di occupare quel posto. Sono tutti per uno ed uno per uno, messi in riga, dalle loro opportunistiche idee, sicuramente contrastate da tutti gli altri zero virgola zero. Tutto, perche' in Italia, e' stato sempre permesso, che si potesse convivere, tra partiti cristiani e comunisti, tra omosessuali e mariuaneschi, comunisti con fascisti ecc. ecc, al solo scopo, dicevamo prima, di mangiare a crepapelle (Fini ed i "suoi" miliardi, docet, ma solo per stare all'ultimo.... scovato!). Pertanto, qualunque siano i raccogliticci elementi, che formano le varie sigle, inventate di volta in volta, non se ne cavera' mai un ragno dal buco. Ecco, che cosa e' diventata la Nazione! Grazie a Mattarella, Napolitano e via via a scendere, fino al 1946! Grazie a loro, all'estero, siamo giudicati assolutamente inadatti a garantire investimenti, sicurezza, governabilita' pulizia, ordine, insomma sia proprio piccini, piccini, anzi meschini e non credibili!

    Rispondi

    Report

.tv

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista

Opinioni