cerca

PD NELLA BUFERA

Bersani: "Renzi rifiuta il dialogo? E noi rifacciamo l'Ulivo"

La bordata dell'ex segretario contro Matteo: "Dimettiti e andiamo al congresso"

Bersani: Renzi rifiuta il dialogo? E noi rifacciamo l'Ulivo

Pierluigi Bersani

Nel Pd ormai è una lotta senza quartiere. «Se Renzi forza, rifiutando il congresso e una qualunque altra forma di confronto e di contendibilità della linea politica e della leadership per andare al voto, è finito il Pd. E non nasce la cosa 3 di D'Alema, di Bersani o di altri, ma un soggetto ulivista, largo plurale, democratico», parola di Pier Luigi Bersani.

L'ex-segretario, in una intervista all'Huffington Post chiede il congresso anticipato e una nuova legge elettorale, altrimenti la strada non potrà che essere quella di una rottura: «Io lavoro per evitarla», sottolinea ma serve un cambio di rotta altrimenti «la sconfitta, andando avanti così, non è evitabile. Napolitano ha ragione, ma io non sto dicendo che non si può votare prima della scadenza naturale. Sto dicendo: andiamoci con ordine, dopo un Congresso e con una legge elettorale decente».

«C'è Renzi nel Pd, ma anche tanti altri. È ora che dicano qualcosa perché così si va a sbattere e si dissolve il Pd. Chiedo che qualcuno apra bocca». Un accenno poi alla polemica sui vitalizi scatenata dalle parole di Matteo Renzi: «Non può insultare il Parlamento. I vitalizi non ci sono più dal 2012 e ci sono qui dentro deputati 30enni che non sono qui ad aspettare i 65 anni per avere qualche euro di contributi. Non so se siano bersaniani o renziani: oggi ne ho visto qualcuno che piangeva».

E ancora: Il Pd non può andare a congresso prima di giugno? «Cazzate- risponde Bersani, nell'intervista ad 'Huffington Post'- Per anticipare il Congresso servono le dimissioni del segretario. Evidentemente qualcuno non si vuole dimettere, e infatti il Congresso anticipato non l'ha mai proposto. Ora dico io: chiamalo come vuoi, Congresso, primarie, ma un luogo di confronto e di contendibilità lo chiedo».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    16:04, 02 Febbraio 2017

    L'ERBA CATTIVA NON MUORE MAI.....

    Come si vede, anche quando hanno toccato con mano la morte, non se ne fanno una ragione. Vogliono continuare a comandare, perche' come dice il proverbio: COMANDARE E' MEGLIO CHE FOTTERE! Bersani e' esattamente come quell'altro, il superbo D'Alema e proprio come lui, vuole continuare ad ossessionarci e logorarci la vita. Quei due, ci hanno rovinato il Paese, ci hanno rovinato gli Italiani, ci hanno rovinato perfino i pensieri e le speranze, eppure, continuano imperterriti a tradire tutto quanto quello, che hanno imparato, per un attimo, togliendosi dal partito comunista (dove sono nati), per poter essere migliori, esattamente come credevano essere i loro ascendenti. Non lo saranno mai e tardi sara', quando finalmente ce li saremo tolti dalle scatole. Se ci pensate, dei loro predecessori, non si parla piu', nemmeno con ricordi od aneddoti. Renzi, fa' benissimo a dargli la biada, se la meritano, per tutto quello che sono stati ed hanno fatto, se la meritano, perche' non sono altro che esseri da bastonare in continuazione, senza se e senza ma, ma per tutto quanto sono stati capaci, di fare pur di rovinare la Nazione e rendere piu' infelici gli Italiani. Renzi, e' Giovane ed anche se tradito dalle cattive compagnie, potra' fare sicuramente meglio di quelli, che invecchiando, sono diventati veramente i peggiori. Nemmeno dall'altra parte, pero', occorre mettere in chiaro, ci sono VECCHI ideali. Anche lì deve essere fatta pulizia. Si potra' così, respirare meglio, forse, chissa' !?!?

    Rispondi

    Report

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni