cerca

DEGRADO CAPITALE

Roma, peggio che lurida

Emergenza rifiuti  a Roma, i Comuni morosi ci costano 53 milioni

rifiuti

Dai, su, vestiti Roma, datti una pulita. Sei impresentabile così, sporca e fetente. Le strade gonfie di monnezza, il casino e l’incuria. Quella che aveva lasciato Marino resta tale e quale con grilli, stelle & raggi. Lurida. Anzi peggio. Arriva Natale e per risparmiare sulle luminarie si usano i sacchi d'immondizia come addobbi natalizi. Sacchi di befane avariate, gerle di umido disseminate da babbinatali barboni. Altro che decrescita felice, con l’immondizia siamo alla crescita infelice. Bocciate le Olimpiadi dello sport siamo a quelle dello sporc. Per non dire delle buche; c'è voluta la caduta spettacolare di Grillo per le strade di Roma a certificare il rischio inciampo in pieno centro. Sanpietrini battono grillini per k.o. È la rivolta dei sanpietrini, ognuno se ne va per conto suo, pavimento sconnesso, smagliature del tessuto urbano e fessure sempre più larghe. Achtung Anziani: la frattura del femore è in agguato. Io stesso per tre volte ho avuto inciampi acrobatici. Le strade dissestate sono il terzo male di Roma, dopo il traffico e i rifiuti. Non vi dico della raccolta differenziata; anche se ti metti di buzzo buono a rispettare i giorni e i sacchi, sono gli operatori ecologici a non osservarli. Si fa la raccolta a sorpresa: un giorno aspetti l’umido e viene la carta, aspetti che cambi la plastica e invece resta per nove giorni interi. La fantasia al potere. I mariti scendono in avanscoperta e poi citofonano alle mogli: scendi con la plastica, lascia marcire in casa l’umido. Per la raccolta dei vetri passano anche venti giorni. Tra poco ci sarà il sacco-scommesse, col racket di speculatori, aruspici e fattucchiere. Smorfiacapitale. La monnezza a Roma è liberista, non ha regole, è selvaggia. Tutti quei cumuli a ridosso dei ristoranti, è festa per i topi, come non succede più neanche a Calcutta. Che dice la loro leader in Campidoglio, Topazia Ratti? Io non ce l'ho con lei, so che vogliono metterla in cattiva luce i vecchi marpioni della politica, i burocrati del municipio, gli affaristi e tutti i malviventi che hanno campato alle spalle del Comune e ora temono i No dell'Aliena. Fanno di tutto per metterle il bastone tra le ruote, anche se dubito delle spedizioni punitive di frigoriferi. Ma qui ci vogliono inceneritori e gente adatta, ci vuole un piano di bonifica integrale per risanare la Città, ci vuole un Giubileo straordinario della sporcizia. Roma te absolvo ma datte 'na pulita.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Laura

    Tomeucci

    21:09, 01 Dicembre 2016

    Cittadini incivili

    Abito in centro, nonostante l'Ama abbia ricominciato a pulire un po' piu' seriamente, ogni giorno si ricomincia daccapo, con sacchetti lasciati dove capita, bottiglie di birra anche sui tetti delle auto, rifiuti ingombranti nelle strade e di questo non ha colpa l'amministrazione, sono molte persone che non amano la citta' e se ne fregano di mantenerla pulita

    Rispondi

    Report

    • Luca

      Tardella

      10:10, 04 Dicembre 2016

      Concordo con Laura Tomeucci. Aggiungo che anche i giornali potrebbero (e forse dovrebbero!) aiutare un po' di più a far recuprare senso civico a tutti coloro che abitano e visitano Roma, al di là del sacrosanto diritto/dovere di controllare e criticare l'amministrazione e le sue società partecipate. Personalmente abito in zona metro Ottaviano e le bottiglie di vetro lasciate ai bordi del marciapiede sono una costante!

      Rispondi

      Report