cerca

Striscione dei tifosi e nodo contratto

L'insostenibile leggerezza di Keita

L'insostenibile leggerezza di Keita

Ci mancava pure lo striscione sul muro di Formello: <Keita-Tounkara, abbassate la cresta o ve la tagliao noi>, firmato Curva Nord 12. Il riferimento a Tounkara è relativo allo spiacevole episodio al fischio finale della partita contro il Chievo, quel pugno sferrato a un tifoso che contestava Biglia non è piaciuto agli ultras biancocelesti. Per il senegalese il discorso è più ampio, prezioso sul campo meno nello spogliatoio dove certe sceneggiate non sono piaciute, compreso il rientro ritardato dalla coppa d'Africa. Per non parlare di quelle frasi sulla Lazio di questa estate e della strategia, lecita, ma non non certo condivisibile del suo procuratore Calenda. Il contratto scade tra un anno e mezzo, la trattativa non c'è, e il suo agente fa ben poco per trovare una soluzione indolore. Certo, anche il club dovrebbe affrontare più direttamente la questione ma si trova di fronte un muro. In mezzo i tifosi che amano il Keita calciatore meno alcuni suoi atteggiamenti come quello di tagliare la cresta al fratello quasi in segno di sfida della curva laziale. In questo momento della stagione alla Lazio serve tutto meno che un altro caso.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • 00:12, 11 Febbraio 2017

    ???

    Grande problema infinito dilemma. Finché il talento straordinario è espresso da un "pischello" i senatori e i giocatori più esperti sopportano. Quando il pischello non è più tale entra in conflitto con lo spogliatoio. È uno spogliatoio avverso può bruciare qualsiasi talento. L'opportunità potrebbe essere quella di vendere bene a giugno. Il rammarico quello di vedere esplodere un campione con un altra maglia. Roberto

    Rispondi

    Report

.tv

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta