cerca

L'ex stratega di The Donald

Bannon attacca Trump: "Incontri sovversivi con i russi". Il presidente: "È impazzito"

Bannon attacca Trump: "Incontri sovversivi con i russi". Il presidente: "È impazzito"

Scontro totale tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il suo ex stratega Steve Bannon. "Non solo ha perso il suo lavoro, ha perso anche la testa", ha detto Trump dopo le  dichiarazioni di Bannon contenute in un libro tra pochi giorni in vendita, "Fire and Fury: Inside the Trump White House". Il presidente, ricordando che Bannon è stato licenziato, ha detto che lui "non ha niente a che fare con me o con la mia presidenza". Inoltre, Bannon "non rappresenta la mia base".

Le accuse di Bannon
Nelle anticipazioni del libro di Michael Wolff l'ex stratega di Trump parla dell'incontro alla Trump Tower - di cui tanto si parla da mesi, nell'ambito delle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni - tra lo staff dell'allora candidato repubblicano alla presidenza e i russi definendolo "sovversivo" e "antipatriottico". Secondo Bannon, inoltre, le indagini sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Trump si concentreranno sul riciclaggio di denaro sporco; poi, ha predetto: "Schiacceranno Don Junior (Donald Trump Jr) come un uovo sulle tv nazionali".

E Trump lo scarica definitivamente
"Steve era un membro dello staff e ha lavorato per me dopo che avevo già conquistato la nomination sconfiggendo 17 candidati, spesso descritti come il gruppo più talentuoso messo insieme dal partito repubblicano" ha scritto Trump, in una nota. "Steve ha avuto poco a che fare con la nostra storica vittoria, ottenuta grazie alle donne e agli uomini dimenticati di questo Paese". Poi, ha scaricato su Bannon il peso della sconfitta alle elezioni speciali in Alabama per un seggio in Senato, dove il conservatore Roy Moore, appoggiato da Bannon e dalla destra anti-establishment, ha perso contro il democratico Doug Jones, dopo aver battuto alle primarie il candidato repubblicano appoggiato da Trump, Luther Strange. "Steve, invece, ha a che fare totalmente con la perdita di un seggio dell'Alabama in Senato detenuto per oltre 30 anni dai repubblicani".

Le false informazioni di Bannon
E ancora: "Steve finge di essere in guerra con i media, che chiama il partito di opposizione, ma ha trascorso il suo tempo alla Casa Bianca facendo uscire false informazioni per far sembrare di essere più importante di quanto fosse. Questa è l'unica cosa che fa bene". "Abbiamo tanti grandi repubblicani tra i membri del Congresso e i candidati, che sostengono molto l'agenda del 'Make America Great Again'. Come me, amano gli Stati Uniti d'America e sono d'aiuto per costruire, invece di cercare di ridurre tutto in cenere" ha commentato Trump.

Breitbart e la destra anti-establishment
Bannon è tornato a lavorare per Breitbart, l'organo d'informazione preferito dalla destra anti-establishment, lasciato per guidare la campagna elettorale di Trump, di cui poi è stato 'stratega capo' alla Casa Bianca. L'incontro di cui Bannon ha parlato con l'autore del libro in uscita è avvenuto il 9 giugno 2016, tra Donald Trump Jr. e l'avvocata russa Natalia Veselnitskaya; il figlio dell'attuale presidente pensava di ricevere notizie compromettenti sulla rivale democratica, Hillary Clinton. All'incontro erano presenti anche l'allora manager della campagna elettorale, Paul Manafort, e Jared Kushner, genero e consigliere dell'attuale presidente.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari