cerca

canale 5

Uomini e donne, il rifiuto di Giorgio umilia Gemma, Ida fa dietrofront

Al Trono Over c’è ancora una fila di donne pronte a conoscere il gabbiano con la chierica

Uomini e donne, il rifiuto di Giorgio umilia Gemma, Ida fa dietrofront

Gemma Galgani corre dietro a Giorgio Manetti, inseguito anche da Rita e Maria Gabriella. Al Trono Over di “UominieDonne” c’è ancora un’inspiegabile fila di donne pronte a conoscere il gabbiano con la chierica. Intanto retromarcia di Ida: niente più conoscenza a tre, frequenterà solo Riccardo.

“Porgi l’altra guancia”

Si parte da Ida, Riccardo e Sossio. L’uomo è innamorato e si vede, non accetta l’indugiare della sua bella: “Come ci siamo visti quattro volte? Forse quattro a settimana. Il dubbio ti è venuto quando Sossio ha cominciato a fare il fenomeno”, Ida sembra imbambolata, ripete che si sono visti troppo poco per decidere. In realtà ha paura, le sembra impossibile che Riccardo in un mese possa essere tanto innamorato di lei senza essere corrisposto per intensità. Intanto il Peter Pan del calcio di serie C, Sossio, è interessato a sapere quali posizioni del Kamasutra hanno fatto. E’ il suo chiodo fisso scoprire se hanno consumato o no. Non viene accontentato e Riccardo e Ida vanno dietro le quinte a parlare. Gemma balla con Giorgio sulle note della canzone “Fidati di me”di Alessandra Amoroso (il Manetti non la conosce e perde 100 punti agli occhi di Queen Mary). La Galgani sorride con tutto il corpo, arriccia il naso, si appoggia alla spalla e alla fine mentre lui sta per baciarla sulla guancia lei si sposta e gli porge le labbra. Un altro melanconico, umiliante bacio rubato. Raffaele non fiata davanti alla scenetta imbarazzante: “Ho accettato la situazione” e Tina: “Sei un uomo inutile”. Anche Valentina urla: “Voi uomini non state bene”. Il siparietto finisce presto perché è giunta voce che sui social è in atto un suicidio di massa.

Due nuove coppie

Anna, la dama bionda finita nell’occhio del ciclone per l’amicizia con Giorgio (cui ha posto fine) sta conoscendo Walter, bell’uomo di Cattolica. Si sono visti, hanno viaggiato insieme, torneranno a Gubbio insieme. L’interesse e l’emozione di Walter, occhi azzurri e portamento elegante, sono lampanti come una scritta al neon: “Mi piace, è vulcanica e piena di energia. Mi ha detto di fermarmi a Gubbio e io non me lo sono fatto ripetere due volte”. Sembra la volta buona anche per Anna: “L’ha soprannominato “Zeus” per la somiglianza con la divinità. Lo trovo affascinante, interessante, simpatico e pieno di entusiasmo. E poi ha dei bellissimi occhi”. Anna ha ritrovato un equilibrio: “Andiamo avanti a conoscerci, se poi il rapporto si interrompe sarà perché non ci piacciamo, non per intromissioni altrui o perché sono amica di Giorgio”.

Rientrano in studio Ida e Riccardo. La dama ha deciso di dargli l’esclusiva con la stessa felicità di chi va al patibolo: “Mi ha detto delle cose che mi hanno rasserenato. Lo sento troppo impegnato e mi spaventa che lui abbia maturato un sentimento così profondo in appena un mese”. Riccardo si sente legato nonostante di carattere sia un freddo: “E’ stata brava perché mi ha fatto lasciare andare mentre io sono un distaccato”. Dal parterre prende la parola tal Giulio: “Riccardo te lo devo dire, stai sbagliando. A lei piace Sossio perché è omo, è trucido, tu sei troppo educato, pulito e innamorato. Lei è una donna che ama piacere ed è attratta da Sossio, maschio, trucido e bello pieno”. In pratica: Riccardo non è rude e Sossio fa sangue. Ma Ida non ri-ricambia idea. Fa un solo dietrofront e conosce Riccardo.

“Garcia Lorca”

Gemma ha fatto scuola: stavolta a genuflettersi di fronte a Giorgio è Rita. La dama ha lasciato il numero di telefono per Giorgio, non una, ma tre volte. Lui ha rifiutato: “Sono lusingato, ti ringrazio, dice con gli occhietti da conquistador, ma non sono interessato”. Rita lo sa e nonostante questo vuole recitargli alcuni versi di una poesia di Garcia Lorca. Guadagna il centro dello studio e mano nella mano, in spagnolo biascica qualcosa. Giorgio, che ha affermato di conoscere anche lo spagnolo, fa grandi cenni di assenso. In realtà non ha capito una cippa. La signora gli ha detto: “Non saprai mai quanto ti potevo amare”. Care donne, vi meritate Giorgio, Georg, il gabbiano e tutte le sue varianti. La puntata finisce con l’ingresso della logorroica Maria Gabriella, quella del “complimenti alla mamma e a tutte le mamme d’Italia che fanno figli bellissimi” e “Giorgio è un uomo emotivamente profondo e molto rispettoso”. In verità non sembra tirare una gran bella aria per la dama di Palermo, domani lo scopriremo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

La vittoria de Il Tempo
Carlotta ha il suo comunicatore

Acrobazie e show, gli Harlem Globetrotters a Il Tempo
Urla e scappa, poi accoltella il poliziotto: attimi di paura in via Appia a Roma
"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile