cerca

OPERAZIONE DELLA GDF

Firenze, concorsi truccati all'università: sette docenti arrestati

Firenze, concorsi truccati  all'università: sette docenti arrestati

Si sarebbero spartiti cattedre universitarie e per questo avrebbero truccato dei concorsi. Per questo, con l'accusa di corruzione, sono stati arrestati e messi ai domiciliari sette professori universitari di importanti atenei italiani. L'inchiesta, condotta dalla Procura di Firenze, guidata da Giuseppe Creazzo, è stata svolta dalla Guardia di Finanza, che all'alba di oggi ha eseguito le misure cautelari. Oltre ai 7 agli arresti domiciliari, sono scattate 22 misure interdittive allo svolgimento delle funzioni di professore universitario e di quelle connesse ad ogni altro incarico assegnato in ambito accademico per la durata di 12 mesi, sempre per reati di corruzione. Piu' di 150 sono state le perquisizioni domiciliari eseguite presso uffici pubblici, abitazioni private e studi professionali.

Le accuse del ricercatore L'operazione, eseguita dalla guardia di finanza di Firenze, che ha messo in campo oltre 500 'baschi verdi' ha riguardato tutto il territorio nazionale. Nei confronti di altri 7 docenti universitari, il gip di Firenze si e' riservato la valutazione circa l'applicazione della misura interdittiva all'esito dell'interrogatorio degli stessi. Secondo gli investigatori della guardia di finanza il contesto investigativo dell'operazione denominata "chiamata alle armi" ha preso le mosse dal tentativo di alcuni professori universitari di indurre un ricercatore universitario, candidato al concorso per l'Abilitazione Scientifica Nazionale all'insegnamento nel settore del "diritto tributario", a "ritirare" la propria domanda, allo scopo di favorire un terzo soggetto in possesso di un profilo curriculare notevolmente inferiore, promettendogli che si sarebbero adoperati con la competente Commissione giudicatrice per la sua abilitazione in una successiva tornata.

Spartizione delle cattedre Gli approfondimenti hanno consentito di accertare sistematici accordi corruttivi tra numerosi professori di diritto tributario - alcuni dei quali pubblici ufficiali in quanto componenti di diverse commissioni nazionali (nominate dal ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) per le procedure di abilitazione scientifica nazionale all'insegnamento nel settore scientifico diritto tributario - finalizzati a rilasciare le citate abilitazioni secondo logiche di spartizione territoriale e di reciproci scambi di favori, con valutazioni non basate su criteri meritocratici bensi' orientate a soddisfare interessi personali, professionali o associativi.

C'è anche l'ex ministro Augusto Fantozzi tra gli indagati nell'inchiesta della Procura di Firenze per corruzione nella gestione dei concorsi per l'abilitazione scientifica nazionale all'insegnamento universitario nel settore del Diritto tributario. Fantozzi - che non figura tra i destinatiari di custodia cautelare - è stato professore ordinario di diritto tributario ed ha guidato negli anni Novanta i Ministeri delle Finanze e della Programmazione economica (1995-1996, governo Dini) e il Ministero del Commercio internazionale (1996-1998, primo governo Prodi).

I sette professori arrestati sono titolari di cattedre in vari atenei italiani: G.F., tributarista a Firenze e che insegna a Lecce; A.G. dell'università di Siena; G.C. dell'università di Cassino; A.D. dell'università di Bologna; V.F. docente a Sassari; F.A. dell'università di Napoli e G.Z. Professore all'università di Varese.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni