cerca

LE CONTRADDIZIONI DI BERGOGLIO

Il Papa predica bene. E poi razzola male

Dall’immigrazione ai rapporti coi leader sudamericani

Il Papa predica bene. E poi razzola male

Papa Francesco e il presidente della Bolivia Evo Morales

"Chi sono io per giudicare un gay?". È un'espressione-manifesto, questa, di Papa Francesco. Una di quelle – recitate nelle sue ormai celebri "chiacchierate informali", stile quattro amici al bar, con i giornalisti nelle traversate aeree dei viaggi pastorali - che hanno delineato il codice di un personaggio che definire pop è ormai riduttivo: c’è chi parla di vera e propria mondanità, per lo meno riguardo al suo approccio sui temi liberal. Si dirà, se il Papa non giudica i comportamenti e le inclinazioni degli uomini (e delle donne) non giudicherà nemmeno quella degli uomini di Stato. Eh no, qui la la "predica" è pressocché onnipresente. Due esempi su tutti. Donald Trump sceglie di proseguire con la costruzione dei muri anti-immigrati? "Non è un cristiano". I leader che abbracciano il populismo? "Il populismo è cattivo e finisce male". Insomma, la scomunica e l’inferno – per lo meno in terra - sembrano dietro l'angolo sì ma a corrente alternata per Jorge Bergoglio.

Inclinazione, questa del "predica bene, razzola male", che alimenta diverse contraddizioni del suo pontificato. Il primo disallineamento percettivo di Bergoglio si registra proprio in casa. Indica- to come guida da coloro che si sono sempre tenuti alla larga dalle tonache – uno su tutti Eugenio Scalfari -, Francesco si ritrova però Piazza San Pietro sempre più vuota ogni domenica che passa e le udienze ben poco frequentate. I numeri ufficiali parlano chiaro: nei primi tre anni del suo pontificato si è passati da un milione e mezzo di partecipanti a poco più di quattrocentomila. Per molti cattolici la cifra comunicativa del pontefice-pastore sta disorientando il gregge. Prendiamo il caso eticamente sensibile delle unioni civili. Sempre tra i cieli, ossia in una delle famose interviste in aereo, il 18 febbraio 2016 ad una domanda sull’aspro dibattito in Italia Bergoglio ha risposto duro: "Io non faccio politica, se la deve sbrigare la Cei". Peccato però che su altri argomenti sensibili, ossia le politiche sull’immigrazione e quelle sulla cittadinanza, l’entrata a piedi uniti nel dibattito sullo ius soli – con un’esortazione "sull’offerta di cittadinanza slegata da requisi- ti economici e linguistici" - ci sia stata, eccome.

Ma come, si chiedono molti credenti, sui principi non negoziabili Bergoglio glissa mentre su questioni non strettamente legate alla fede è sempre molto loquace? Se lo sono chiesto, di certo...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Stefania

    De Bianchi

    10:10, 25 Agosto 2017

    Questo Papa e' insopportabile...

    Ho gia' espresso altre volte il mio dissenso verso questo Papa che continua ad immischiarsi nelle faccende della vita politica italiana, quasi fossimo ritornati al periodo del Papa Re....A me che non seguo la sua dottrina da' fastidio che sia proprio lui a dover dettare certe regole che coinvolgono la mia vita di cittadina laica....Risulta a qualcuno che lo Stato italiano abbia interferito con qualche decisione dello Stato vaticano? Tutto quello che avviene dentro le mura leonine e' assolutamente off limits, quindi sarebbe bene che anche tutto quello che accade al di fuori di quelle rimanesse solo ed esclusivamente di competenza del governo italiano....Strano poi che proprio questo governo di sinistra che per sua concezione si e' sempre dichiarato laico ora vada d'amore e d'accordo con questo rappresentante vaticano...Oppure e'' al contrario, proprio questo ad essersi convertito ad altro fronte, visto che e' sempre pure ben disposto verso governanti non propriamente democratici...

    Rispondi

    Report

.tv

Diletta Leotta come non l'avete mai vista GUARDA

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi
Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"