cerca

PANZANE A 5 STELLE

Il MoVimento 5 Stelle e la bufala sulla libertà di stampa Ecco perché l'Italia è al 77° posto (le notizie false non c'entrano)

Il MoVimento 5 Stelle e la bufala sulla libertà di stampa Ecco perché l'Italia è al 77° posto (le notizie false non c'entrano)

Scrive il Sacro blog di Beppe Grillo lanciando l'idea di un tribunale popolare che vigili sulle "bugie" di giornali e tv: "Se una notizia viene dichiarata falsa il direttore della testata, a capo chino, deve fare pubbliche scuse e riportare la versione corretta dandole la massima evidenza in apertura del telegiornale o in prima pagina se cartaceo. Così forse abbandoneremo il 77° posto nella classifica mondiale per la libertà di stampa".

Eccola la vera bufala, buttata lì come se niente fosse. E ripetuta a memoria da tutti i grillini a reti unificate. Perché è vero, l'Italia è al 77° posto nella classifica sulla libertà di stampa stilata ogni anno da Reporters Sans Frontières, ma a differenza di quello che sostengono Grillo e i suoi adepti, le bugie, le bufale, le false notizie, non c'entrano niente.

Basta poco per verificarlo. Scrive l'organizzazione descrivendo la situazione nella stampa nel nostro Paese: "A maggio 2015, il quotidiano La Repubblica ha riferito che tra i 30 ei 50 giornalisti si trovano sotto la protezione della polizia perché minacciati. Il livello di violenza contro i giornalisti (comprese le minacce di morte e le intimidazioni verbali e fisiche) è allarmante. I giornalisti che indagano la corruzione e la criminalità organizzata sono quelli che vengono maggiormente presi di mira". Reporters Sans Frontières cita ad esempio quanto accaduto in Vaticano con gli scandali Vatileaks e Vatileaks 2. Vicende, spiega il sito, che ha visto due giornalisti rischiare "fino a otto anni di carcere" per aver scritto libri "sulla corruzione e sugli intrighi all'interno della Santa Sede".

Insomma, caro MoVimento 5 Stelle, i giornalisti sono le vittime, non certo i carnefici. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • 07:07, 05 Gennaio 2017

    ahi rosa

    avete preso ad ad esempio gli unici giornalisti che non ci fnno sprofondare nel 177' posto.... il resto assunti in ufficio a ripetere pappardelle lette on-line... troppo pericoloso uscire in strada....le persone comuni, subiscono ogni giorno minacce e soprusi...dai delinquenti e , ahimè, da chi dovrebbe difenderti dai primi....nel vostro mutismo generalizzato...non fare, equivale a fare male

    Rispondi

    Report

  • 21:09, 04 Gennaio 2017

    Sempre peggio

    Hai ragione non pubblicare notizie che farebbero cambiare le idee alla gente o pubblicare solo quelle a favore di un tipo di idea non è una bufala è molto peggio e mentire! Come al solito vi nascondere dietro un dito! Avete paura che la gente sul web veda anche l'altra parte della medaglia di quel che raccontate e questo vi spaventa molto a quanto pare dalla vostra reazione!

    Rispondi

    Report

Opinioni