cerca

L'ULTIMA DI SERIE A PRIMA DELLA SOSTA

La Roma vince contro il Chievo e blinda la Champions

La Roma vince contro il Chievo e blinda la Champions

Esultanza Dzeko

La Roma archivia Torino e chiude il 2016 con una netta vittoria per 3-1 contro il Chievo, che si era inizialmente portato in vantaggio, salvo poi subire la rimonta dei padroni di casa. Il Natale i giallorossi lo passeranno da secondi in classifica, a -4 dalla Juventus impegnata in Supercoppa e con tre punti in sospeso.

 

LE SCELTE
Spalletti affronta il Chievo con un 3-4-3, in difesa si rivede Vermaelen con Fazio e Rüdiger, Peres e Palmieri sono gli esterni alti di un centrocampo che vede in mezzo Strootman e Nainggolan. Davanti il grande assente è Perotti, che lascia spazio ad El Shaarawy, schierato largo a sinistra con Salah a destra e Dzeko al centro. Maran risponde con un 4-3-1-2 in cui gli estremi offensivi sono Inglese e Meggiorini.

 

PRIMO TEMPO
La Roma fa la partita, e non c'è da stupirsi. Da un lancio di Peres nasce una buona occasione per Dzeko, che prova a imitare Salah e il suo tiro a giro da posizione defilata, ma manca la porta. El Shaarawy tenta il rasoterra da fuori, passa tra qualche gamba ma non oltre i guantoni di Sorrentino, attento. De Guzman per poco non approfitta di uno svarione difensivo dei giallorossi, su un cross di Birsa deviato va col destro e sfiora il gol. Al 24' da una punizione ben studiata, tacco di Palmieri per Nainggolan, nasce un'azione pericolosissima, ma Fazio non riesce a trasformare da due passi, perdendo l'attimo. Altro calcio piazzato e altro pericolo, Peres a giro centra il palo esterno. Al 35' missile di Dzeko da fuori area, Sorrentino para col ginocchio e se la cava, poi la Roma protesta per un doppio contatto in area di rigore, il bosniaco e Salah restano a terra ma per Calvarese non c'è nulla. Al 37' ecco la beffa: De Guzman infila il pallone in rete di testa, anticipando Peres che sbaglia la diagonale difensiva: 0-1 all'Olimpico. La terza punizione è quella buona, la calcia El Shaarawy e stavolta il tiro è perfetto: destro piazzato, la palla tocca il palo interno e va nel sacco per l'1-1 giallorosso. Col pari appena agguantato si torna negli spogliatoi.

 

SECONDO TEMPO 
Si riprende senza cambi, ma con un Dzeko più motivato. Si capisce dall'angolo conquistato e subito battuto corto per El Shaarawy, che mette dentro e trova un Peres decisamente impreparato e confuso. Ma sempre sull'asse Faraone-Dzeko arriva il 2-1 della Roma, con il bosniaco tenuto in gioco e bravo a trovare la zampata vincente da due passi dopo un'azione insistita del compagno di squadra. Vantaggio giallorosso all'Olimpico e rete di Edin dopo 4 giornate di astinenza. Peres prova a farsi perdonare con un destro da fuori che non va però a buon fine, di pochissimo. Alla mezz'ora Dzeko di testa va vicinissimo al tris, ritenta subito dopo da fuori ma sbaglia la conclusione. Spalletti dalla panchina fa capire che è il momento di chiudere la partita, manca però la precisione sotto porta. Imbeccata di Dzeko per Salah, l'egiziano è in serata no e non riesce a combinare nulla. La Coppa d'Africa non è ancora iniziata, ma lui sembra già un fantasma in campo. Lo spiovente di El Shaarawy è un invito per Dzeko, che sotto rete manca il colpo vincente. La Roma non riesce a chiudere la partita, il sinistro di Edin sbatte contro Sorrentino, uscito per tempo. Al 45' Sorrentino pare l'ennesimo tentativo di Dzeko, poi Perotti a porta vuota spara in curva. L'argentino rimedia con la specialità della casa, un calcio di rigore a tempo scaduto per il 3-1 definitivo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi