cerca

governo appeso a un filo

Giuseppe Conte e Matteo Renzi allo scontro finale sulla prescrizione

Giuseppe Conte e Matteo Renzi allo scontro finale sulla prescrizione

Ancora non è crisi dichiarata. Ma il governo è appeso a un filo sul tema della prescrizione. Con Giuseppe Conte e Matteo Renzi che se le danno di santa ragione. Sembra di assistere ad una nuova edizione dello scontro di questa estate, quando a contrapporsi a Conte fu l’altro Matteo, Salvini.

Il leader di Italia Viva giura di non voler far cadere l’esecutivo. Intanto, però, ieri sera le renziane Elena Bonetti e Teresa Bellanova non si sono presentate in Consiglio dei ministri, in polemica con la riforma della prescrizione voluta dal Guardasigilli Alfonso Bonafede. Conte, sempre più irritato, le ha accusate di «assenza ingiustificata». Per tutta risposta, Renzi lo ha invitato a non fare il maestrino: «Queste cose le dice un preside, non il capo del governo».

Insomma, siamo alla resa dei conti finale. Tanto che il premier si è pure sentito telefonicamente con il presidente della Repubblica. Dal Colle gli è stato spiegato, ancora una volta, che non si può tornare al voto prima del referendum sul taglio dei parlamentari del 29 marzo. Nella maggioranza si sta lavorando anche al piano B, ovvero ad una formazione di «responsabili» in grado di sostituire i voti di Italia Viva in Senato.

Ieri, a far precipitare la situazione ha contribuito una serie di eventi. Dapprima, l’intervista di Renzi a Il Tempo, in cui il leader di Iv esortava Conte ad andare fino in fondo nel cercare una maggioranza alternativa. La dimostrazione che i renziani...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro