cerca

Via libera di Grillo

Legislatura troppo breve, ok alla deroga per gli eletti 5Stelle

Di Maio e gli altri potranno ricandidarsi

Grillo, Di Maio e Casaleggio

I vertici del M5S

Se fallisse l'ultimo tentativo di trovare un'intesa tra il M5S e la Lega (ci sono ancora alcuni giorni per tentare di convincere Berlusconi a fare un passo indietro dando l'appoggio esterno a un governo Di Maio-Salvini) le elezioni sarebbero inevitabili. Né i grillini né i leghisti, infatti, potrebbero votare a favore di un esecutivo tecnico (o di servizio, come l'ha definito il presidente Mattarella).

La questione che tiene banco è se Luigi Di Maio e i big del MoVimento (Toninelli, Fico, Castelli, Taverna, Fraccaro e gli altri) potranno candidarsi pur avendo già ricoperto, almeno formalmente, due legislature. Ebbene, secondo le indiscrezioni che circolano dalle parti del Parlamento, sarebbe stato Beppe Grillo, il garante del M5S, a fugare ogni dubbio e a dare il via libera alla deroga del secondo mandato.

Le regole del MoVimento prescrivono che gli eletti non possano passare più di due mandati nelle istituzioni ma la diciottesima legislatura, cominciata da due mesi, è destinata a durare al massimo fino a ottobre (se non luglio). Troppo corta per essere considerata valida e dunque il comico genovese avrebbe assicurato la riconferma delle liste e dei parlamentari uscenti in caso di elezioni anticipate.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari