cerca

IL VERTICE DEL CENTRODESTRA

Meloni offre a Salvini la presidenza del Senato

Meloni offre a Salvini la presidenza del Senato

Matteo Salvini e Giorgia Meloni (LaPresse)

La poltrona di presidente del Senato a Matteo Salvini come "assicurazione" contro il rischio di restare "con un pugno di mosche in mano". E' stata questa la proposta portata al tavolo del centrodestra dalla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, in un vertice arrivato al termine di una giornata in cui ancora una volta la compattezza della coalizione era stata messa a dura prova dalle apparenti divergenze tra Silvio Berlusconi - tentato da una trattativa con il Pd - e il segretario della Lega, contrario a qualsiasi intesa con i Dem.

Dal vertice, tenutosi a Roma e durato poco meno di un paio d'ore, Salvini è uscito con il "mandato" concessogli dagli alleati di confrontarsi a nome del centrodestra con gli altri partiti sulle presidenze delle due Camere, uno snodo che entrerà nel vivo dal 23 marzo, quando i parlamentari si saranno ufficialmente insediati.

Ma se Matteo ha ottenuto rassicurazioni da Berlusconi sull'impossibilità di un governo con il Pd - semmai l'apertura sarebbe riservata a "singoli parlamentari" - proprio il nodo delle presidenze delle Camere ha riservato qualche momento di tensione. Da una parte, infatti, c'è Forza Italia che reclama quella poltrona per sé, specie se si considera che alla Lega, nell'ipotesi di un governo di centrodestra, andrà già il ruolo di presidente del Consiglio. Dall'altra c'è un Salvini che, temendo sia troppo difficile issarsi a Palazzo Chigi in questo contesto di veti incrociati, non vuole correre il rischio di rimanere senza niente in mano.

E' a quel punto che Giorgia Meloni avrebbe proposto la sua mediazione. In pratica, per la leader di Fratelli d'Italia il candidato allo scranno più alto di Palazzo Madama potrebbe essere proprio il leader della Lega. I partiti del centrodestra lo sosterrebbero in blocco e avrebbero anche i numeri per eleggerlo da soli, a meno di un'alleanza larghissima di tutte le altre forze politiche.

A quel punto, Salvini potrebbe presentarsi da Mattarella ancora più legittimato e ottenere un incarico esplorativo in quanto seconda carica dello Stato. Se riuscisse a diventare premier, cederebbe la presidenza del Senato a un esponente dei partiti alleati. Altrimenti, avrebbe comunque una poltrona tutt'altro che di consolazione.

Il leader della Lega finora non ha sciolto la riserva. Ciò che è certo è che più passano i giorni, più accarezza l'ipotesi di tornare al voto in caso di stallo, sperando di lanciare l'opa su tutto il centrodestra. Uno scenario che, per gli stessi motivi, Silvio Berlusconi vuole evitare a tutti i costi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Gaspare

    Supremo

    09:09, 14 Marzo 2018

    a denti stretti

    Sicuramente Berlusconi non ha mostrato " nell'occasione dell'incontro " tutta la sua smagliante dentatura avendo la mascella serrata . . ! Ovvio che ha fatto buon viso e gioco . . col senno del Poi . .chi vivrà vedrà avendo in testa sicuramente qualche tiro mancino ", che come un Prestigiatore navigato uscirà fuori dal cilindro al momento opportuno ( per il vincitore della coalizione del centro destra alias Matteo Salvini ) ! E chissà . . , quale migliore occasione per stigmatizzare il suo ruolo di Regista potrebbe essere quello di suggellare la Sua leadership al momento delle elezioni dei Presidenti di Camera e Senato ? in accordo con il PD ? ?

    Rispondi

    Report

.tv

Dall'elicottero ai Fori: il lancio mozzafiato con il Tricolore

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda