cerca

Accanimento

La Corte dei conti batte cassa a Berlusconi per lo spread

Dalla corruzione di De Gregorio alla caduta del governo Prodi: vogliono accollare al Cav i danni sulle speculazioni dei Btp

La Corte dei conti batte cassa a Berlusconi per lo spread

Silvio Berlusconi rischia di pagare, nel senso letterale del termine, per la progressiva ascesa dello spread iniziata dopo la caduta del secondo governo Prodi, di cui sarebbe l’artefice, avendo «agito – secondo la Corte d’appello di Napoli –con assoluta coscienza e volontà di corrompere un senatore dellaRepubblica».

La Procura della Corte dei conti del Lazio sta indagando sugli effetti che avrebbe prodotto, in termini di danno erariale, la presunta compravendita dell’ex senatore dall’Italia dei Valori Sergio De Gregorio, pagato dal Cavaliere 3 milioni di euro per passare nel settembre 2007 nelle fila del centrodestra. Sul fronte penale la sentenza di condanna a 3 anni di reclusione, emessa l’8 luglio 2015 dal Tribunale di Napoli nei confronti di Berlusconi e dell’ex direttore dell’Avanti Valter Lavitola...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Dall'elicottero ai Fori: il lancio mozzafiato con il Tricolore

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda