cerca

CAOS A 5 STELLE

Caso Raffaele Marra, anche Luigi Di Maio molla Virginia Raggi

Caso Raffaele Marra, anche Luigi Di Maio molla Virginia Raggi

di maio

Se ce ne fosse ancora bisogno ve lo spieghiamo con semplicità: è stata Virginia Raggi a volere a tutti i costi Raffaele Marra nel proprio staff. È lei che ha difeso in tutti i modi "uno dei 23mila dipendenti del Campidoglio". Infatti dopo Alessandro Di Battista anche il suo "gemello diverso" Luigi Di Maio scarica sulla sindaca la responsabilità di aver mantenuto il "cattivo" Marra in una posizione di responsabilità. E guai a sostenere il contrario.

Il vicepresidente della Camera lo spiega attraverso un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo. Una risposta indiretta all'ex capo di gabinetto di Raggi, Carla Raineri, che intervistata da Repubblica lo aveva tirato in ballo. 

"Il Movimento 5 Stelle - scrive - ha sempre chiesto di allontanare Raffaele Marra dal gabinetto della sindaca. Lo Incontrai una volta, quando era ancora vice capo di gabinetto, dietro richiesta della stessa Raggi. In una riunione precedente, in cui erano presenti membri del cosiddetto direttorio e tutti quelli del cosiddetto minidirettorio, chiedemmo alla sindaca di allontanare Raffaele Marra dal suo gabinetto, e, in quella occasione lei mi chiese, in qualità di responsabile degli enti locali, di incontrare Marra per sentire almeno le sue ragioni".

"Durante l'incontro con Marra - prosegue -, di cui anche Davide Casaleggio e Beppe Grillo erano al corrente, svolto nel mio ufficio a Montecitorio con tanto di registrazione all'ingresso, gli riportai che il Movimento non aveva fiducia in lui e che quindi non era il caso che facesse parte del Gabinetto del Sindaco. Ho aggiunto anche che essendo dirigente assunto per concorso non potevamo certo licenziarlo. Lui ci tenne a spiegarmi che le cose che si dicevano sul suo conto non erano vere. Ma il suo racconto non cambiò il mio e il nostro orientamento: non aveva la fiducia del Movimento 5 Stelle, per questo non era opportuno che stesse nel gabinetto del Sindaco. Questo incontro è servito a rendere chiaro, anche se non ce n'era bisogno, come tutto il Movimento ha sempre chiesto l'allontanamento di Marra e che non ci sia mai stata sponda da parte di alcuno. Marra se ne doveva andare e, con cortesia, glielo dissi in faccia".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Danilo

    Favaro

    11:11, 21 Dicembre 2016

    Difesa innutile

    Ormai anche lui non sa più cosa fare e dire. Ha difeso la Raggi fino all'ultimo in merito alle sue scelte sull'amministrazione del Campidoglio. Il fartto che dica di aver detto a Marra di andarsene e non aver fatto nient'altro fa venire in mente molte perplessità visto che il mini direttorio che aveva il compito di seguirre i lavori della Raggi si è dimesso dopo tre mesi. Innnutile che dica che all'interno del MOvimento non ci siano modi di pensare diversi. Lo si vede lontano un miglio che si stanno mangiando tra di loro. Dalle stelle alle stalle.

    Rispondi

    Report

.tv

La paura dei turisti "prigionieri" sul London Eye durante l'attacco VIDEO

L'ultima verità di Francesco Schettino: "Sono rimasto sulla  Costa Concordia fino all'ultimo minuto"
Occhiali scuri e cappellino, così rapinava i negozi a Roma
San Severo, spari contro le auto della polizia inviate per l'emergenza criminalità